Loading

Entra nel vivo la vicenda che da giorni ormai sta scaldando l’ambiente neroverde e bianconero circa il futuro di Domenico Berardi, giovane e talentuoso attaccante classe ’94, attuale punta di diamante dell’organico di Eusebio Di Francesco e della Nazionale italiana Under 21.

La Juve, quest’anno più che mai sembra interessata a riportare il bomber sotto la sua ala protettrice, aprendo alle prime trattative con il club neroverde. L’ultima parola spetta però al calciatore stesso che, secondo quando riportano le ultime indiscrezioni, non avrebbe fatto mistero della sua intenzione di restare in maglia neroverde.

L’obiettivo principale di Berardi è giocare con continuità assicurandosi un posto da titolare, garanzia che si sposa perfettamente con la sua permanenza al Sassuolo, un gruppo in cui sta crescendo molto e che negli anni ha fatto emergere nel migliore dei modi le potenziali dell’ala che, qualora indossasse la maglia bianconera, sarebbe relegato in panchina. Intervistato ai microfoni di FcInternews.it, Giorgio Squinzi, patron del Sassuolo, avrebbe infatti messo a tacere i rumors che proiettavano il futuro di Berardi lontano dall’Emilia Romagna: Il ragazzo ha rifiutato di andare alla Juventus, quindi resterà ancora con noi”.

Se la Juve sarà dunque costretta a cercare un altro rinforzo offensivo di seconda linea, anche l’Inter dovrà accantonare l’ipotesi Berardi, almeno per la prossima stagione calcistica. Dal Sassuolo giunge infatti un secco rifiuto a qualsiasi accordo con la dirigenza nerazzurra, che pure negli ultimi giorni esercitava un forte pressing sull’attaccante. Chiare a tal proposito le dichiarazioni di Squinzi, che fuga ogni dubbio anche riguardo un eventuale cessione di Acerbi, punto di riferimento della retroguardia neroverde: Domenico non andrà all’Inter, non è nelle mie intenzioni cederlo al club nerazzurro. Scambio Acerbi-Ranocchia? Ne ho sentito parlare ma non mi risulta”.

Intanto la Juve, determinata ad agire da protagonista sul mercato estivo, inizia a pensare al dopo Morata, sempre più prossimo alla partenza. Tra i nomi sui quali si rivolgono le mire dei bianconeri, spicca quello di Ciro Immobile, che dopo l’approdo in Liga potrebbe ritornare a calcare i campi della Serie A. Non è facile però mettere d’accordo tutte le parti: il Siviglia non è disposto a cedere l’attaccante per un valore inferiore agli 11 milioni di euro, d’altra parte la dirigenza granata non sembra propensa a sborsare l’intera cifra per il riscatto del cartellino, di proprietà del Borussia Dortmund. Un affare dai risvolti“internazionali” quello che coinvolge Immobile, oggetto di una corte serrata anche da parte della Lazio, mentre le mire di Antonio Conte si spostano a sorpresa su Candreva.

 

Top