2 min readBundesliga: Inizia il bipolarismo Bayern-Dortmund

2 min readBundesliga: Inizia il bipolarismo Bayern-Dortmund

12 Novembre 2015 Off Di Dario Pilotti

Nel dodicesimo turno di Bundesliga entrambe vittoriose le prime due potenze del campionato, sempre separate da cinque lunghezze in classifica. All’armata Bayern bastano i primi quaranta minuti di partita per definire il pesante 4-0 inflitto ad uno sbiadito Stoccarda. Alla rete, siglata da Robben all’undicesimo minuto, seguono infatti quelle di Costa, Lewandowski e di Muller. Secondo tempo di gestione per i ragazzi di Guardiola, ovviamente ancorati alla testa della classifica. Primato che sogna di raggiungere il Borussia Dortmund, vittorioso nel derby della Ruhr contro lo Schalke 04. La squadra di Tuchel è solida e trova il vantaggio al trentesimo con l’incornata vincente di Kagawa. Tutt’altro che demotivato, e alla ricerca di punti importanti, tuttavia, lo Schalke si spinge in avanti e trova tre minuti più tardi il pareggio: galoppata sulla fascia destra dell’ottimo Sane e passaggio vincente per l’ex milanista Huntelaar, che appoggia in rete l’assist del compagno. Ma il big match ha ancora emozioni da raccontare e, sullo scadere del primo tempo, ci pensa Matthias Ginter a riportare sopra la formazione di casa, che dilaga poi nel secondo tempo con Aubameyang, primo nella classifica marcatori insieme al polacco Lewandowski. Inutile il 3-2 sempre di Huntelaar; i biancoblu escono sconfitti dal Westfalendstadion e vengono raggiunti in graduatoria dall’Herta Berlino, vincente 1-3 ad Hannover grazie ad un monologo calcistico di Salomon Kalou, autore della tripletta che porta la squadra della capitale al quarto posto, sognando l’Europa che conta. Hannover appena al di sopra della zona retrocessione con solamente un punto di vantaggio sullo Stoccarda, terzultimo. Tra le grandi, crolla invece il Wolfburg, sconfitto al Coface Arena dal Mainz.  Aiutato anche dalla legittima espulsione di Draxler ad inizio match, la squadra di casa prende coraggio, crea più occasioni e trova i due goal che le consentono il successo sui biancoverdi, ancora terzi, nonostante gli otto punti di distacco dalla seconda piazza. A non finire la partita in undici è anche il Leverkusen, gli avversari della Roma in Champions non stanno di certo brillando in Bundesliga, e il cartellino rosso per Papadopoulos nel match casalingo contro il Colonia di certo non li aiuta; anzi, li penalizza. Infatti, il Colonia trova il goal dell’1-2 vincente, proprio venti minuti dopo l’espulsione del difensore centrale greco; è una doppietta di Madoh ad affondare Calhanoglu e compagni. Colonia che scavalca proprio il Leverkusen, sceso ormai all’ottavo posto. Continua a deludere l’Augsburg; se in Europa League i tedeschi riescono a sfornare qualche buona prestazione, in campionato continuano una marcia negativa che significa ultimo posto con una sola vittoria e tre pareggi. Questo giro è il Werder Brema a trionfare sulla rivelazione 2014/2015; un 1-2 fondamentale, che aiuta il Werder a mettersi al sicuro dalle zone pericolose. Le zone pericolose son quelle dove naviga l’Hoffenheim, ancora penultimo e fermato 0-0 in casa da un Francoforte decisamente superiore e dodicesimo in campionato. Un punto a testa anche per Darmstadt e Amburgo, ospiti avanti con un rigore dubbio nella prima frazione e pareggio poi, nella ripresa, con il colpo di testa schiacciato di Heller. A chiudere il turno troviamo poi un ulteriore pareggio, a reti inviolate, tra Monchengladbach e Ingolstadt, con i bianconeri che chiudono il match in dieci uomini dopo il duplice giallo per Xhaka. Ingolstadt che perde qualche posizione dopo un avvio di stagione a dir poco superlativo.

Correva l'anno home