Uno sguardo all’Europa (13-02-2017)

Diamo uno sguardo in giro per l’Europa per vedere cosa è accaduto nei principali campionati del vecchio continente.

PREMIER LEAGUE – La notizia di giornata è senza ombra di dubbio lo stop del Chelsea di Conte sul campo del Burnley. Avanti dopo appena 7′ minuti con la rete di Pedro i Blues devono aver pensato che la pratica si potesse sbrigare sin troppo facilmente. Nulla di più sbagliato. La rete di Brady al 24′ rimetteva l’incontro in parità ed al termine dei 90′ di gioco il 71% di possesso palla del Chelsea raccontava di un predominio piuttosto sterile. Diego Costa e compagni mantengono comunque 10 punti di vantaggio sulle prime inseguitrici, Tottenham ed Arsenal, che potrebbero però diventare 8 se domani il City di Guardiola dovesse vincere nel Monday Night contro il Bournemouth. A proposito del Tottenham, gli Spurs escono con le ossa rotte da Anfield dove un superlativo Sadio Mane in appena due minuti, quelli compresi tra il 16′ ed il 18′, regala i tre punti alla squadra di Klopp e rilancia le ambizioni dei Reds apparsi piuttosto appannati durante l’assenza del loro centravanti durante la Coppa d’Africa. Vittoria non senza critiche invece per l’Arsenal che ad Emirates regola 2-0 l’Hull City grazie alla doppietta di Sanchez. Il primo gol del cileno è però un netto colpo di braccio mentre il raddoppio arriva solo al 90′ grazie ad un calcio di rigore trasformato dallo stesso numero 7 dei Gunners. Tutto facile per lo United di Mourinho che regola 2-0 il Watford di Mazzarri. Decidono le reti di Mata e Martial. Ancora una sconfitta per il Leicester di Claudio Ranieri che perde 2-0 in casa dello Swansea. Il futuro del tecnico romano sulla panchina delle Foxes è veramente appeso ad un filo. Da segnalare infine la doppietta di Manolo Gabbiadini nel 4-0 del Southampton sul campo del Sunderland. Per il centravanti italiano si tratta della terza rete in due apparizioni con la maglia dei Saints. Come di consueto, qui potete trovare il quadro completo dei risultati e la classifica aggiornata.

LIGUE 1 – Il Nizza resta aggrappato alla lotta per il titolo con le unghie e con i denti recuperando il doppio svantaggio sul campo del Rennes grazie alle marcature di Donis e Eysseric. Il perfetto ingranaggio messo assieme da Favre sembra però essersi inceppato. La squadra di Balotelli, assente per un attacco influenzale, è infatti scivolata in terza posizione in classifica a 5 punti dalla capolista Monaco che rifila 5 gol al Metz grazie alla tripletta di Lottin ed alla doppietta di un ritrovato Falcao. Vince anche il PSG che si impone 0-3 sul campo del Bordeaux (doppietta di Cavani e rete di Di Maria) e si porta in seconda piazza a quota 55 punti. Ancora una sconfitta per il Lione invece che nonostante il vantaggio siglato da Lacazette capitola 2-1 sul campo del Guingamp. Da segnalare la rotonda vittoria del Saint-Etienne sul Lorient (4-0). In serata il posticipo tra Nantes e Marsiglia. Qui potete trovare il quadro completo dei risultati e la classifica aggiornata.

BUNDESLIGA – Il Bayern Monaco di Ancelotti è ufficialmente in fuga. La vittoria per 0-2 dei bavaresi sul campo dell’Ingolstadt e la contemporanea sonora sconfitta del Lipsia rifilata a domicilio dall’Amburgo mandano infatti la squadra del tecnico italiano a +7. Non è stato però tutto facile per il Bayern che anzi è riuscito a trovare i tre punti solo allo scadere grazie alle reti messe a segno da Vidal e Robben quando il cronometro segnava già il 90′. Si anima anche la lotta per l’Europa con l’Eintracht Francoforte ed il Borussia Dortmund, rispettivamente terza e quarta squadra in classifica, rimediano due batoste. I rossoneri prendono tre schiaffi dal Bayer Leverkusen (doppietta di Hernandez) mentre i gialloneri perdono 2-1 sul campo del Darmstadt ultimo in classifica. Sconfitta anche per l’Herta Berlino che perde 2-0 in casa dello Schalke 04. Qui potete trovare il quadro completo dei risultati e la classifica aggiornata.

LIGA – Il Barcellona travolge a domicilio l’Alaves 0-6. A segno il trio delle meraviglie Neymar, Messi, Suarez (doppietta per lui) oltre a Rakitic (da segnalare anche l’autogol di Alexis). Il Real Madrid però risponde presente e si impone 1-3 sul campo dell’Osasuna grazie alle marcature di Ronaldo, Isco e Lucas Vazquez. Non cambia nulla dunque in classifica per le prime due piazze con le Merengues ancora avanti di un punto rispetto ai blaugrana (49 a 48) ma con due match da recuperare. Continua lo splendido campionato della Real Sociedad che supera nell’anticipo del venerdì per 1-2 l’Espanyol grazie alle reti di Carlos Vela e Illarramendi (di Perez la rete dei padroni di casa). La squadra di Sacristan occupa la quarta piazza in classifica a quota 41. Non va oltre il pari invece il Villareal. Contro il Malaga finisce 1-1 con Soriano che risponde al gol di Charles. In serata il posticipo tra Atletico Madrid e Celta Vigo. Qui potete trovare il quadro completo dei risultati e la classifica aggiornata.

ALTRI CAMPIONATI – In Eredivisie continua spedita la corsa del Feyenoord che supera 2-0 il Groningen grazie alla doppietta di Toornstra e continua a guidare la graduatoria a quota 57 a +5 su Ajax e PSV. I lancieri di Amsterdam superano 2-0 lo Sparta Rotterdam grazie alle reti di Trarre e Dolberg mentre la squadra di Eindhoven passeggia sull’Utrecht. Il 3-0 finale dei biancorossi porta le firme di Luuk de Jong, Bergwijn e Van Ginkel. Nella Primeira Liga Portoghese il duello al vertice è invece serrato e vede in lotta Benfica e Porto. La squadra di Lisbona apre le danze venerdì rifilando un netto 3-0 all’Arouca (doppietta di Mitroglou e firma finale di Carrillo). Il Porto risponde sabato imponendosi per 0-2 sul campo del Vitoria de Guimaraes grazie alle reti di Tiquinho e Jota. Nella Super Lig turca è invece giornata di sorprese. Cadono le prime due della classe ovvero Besiktas e Istanbul Basaksehir. I bianconeri escono sconfitti 2-1 dalla trasferta sul campo del Karabukspor mentre la squadra di Istanbul viene travolta 4-0 dal Kasimpasa. Non ne approfittano però Galatasaray e Fenerbache. I giallorossi si fanno superare in casa dal Kayserispor per 1-2 mentre i gialloblu riescono a recuperare appena un punto in virtù del pareggio per 1-1 sul campo del Bursaspor con Batalla che a due minuti dal termine pareggia il vantaggio ospite siglato Moussa Sow. Entrambe le reti arrivano dal dischetto. Chiudiamo il nostro giro d’Europa con la Pro League. Club Brugge ed Anderlecht continuano il testa a testa e si ritrovano ora appaiate in vetta alla classifica a quota 52. Mentre l’Anderlecht supera 4-2 il Zulte-Waregem il Brugge capitola sul campo del Lokeren per 1-0.

Yes No