Una Premier da non perdere

Torna la Premier League con la sua corsa al titolo. Archiviato il turno di FA Cup, la giornata di Premier odierna principalmente vedrà di fronte Liverpool e Chelsea, con l’Arsenal che cercherà di accorciare le distanze in classifica dai Blues di Conte ospitando il Watford, sapendo di dover giocare a Stamford Bridge nel prossimo weekend.

Questa settimana può essere molto indicativa per il futuro della Premier. Il Chelsea avrà l’opportunità di “ammazzare” il campionato ma, dovessero arrivare due passi falsi contro Reds e Gunners, anche di riaprirlo. Il vantaggio di otto punti sull’Arsenal, di nove sul Tottenham e di dieci sul Liverpool è un bottino importante, ma va tutelato e preservato nella rincorsa al titolo perché da nessuna parte come in Inghilterra il campionato può riaprirsi all’improvviso. Ed ecco perché certi scontri diretti valgono sempre qualcosa in più dei semplici tre punti in palio.

CONTE PROVA LA FUGA – Il Chelsea sta bene, è una squadra in salute e risolta la grana relativa a Diego Costa, tra l’altro con il ritorno al gol del brasiliano, la squadra di Conte sembra sempre più una corazzata. La possibilità di tenere ben salda la prima posizione in classifica è concreta ma non scontata, ed è importante non perdere punti in vista del big match di sabato prossimo, contro i rivali dell’Arsenal.

LIVERPOOL, ORA O MAI PIÙ – Situazione diversa quella che si vive ad Anfield. Il momento dei Reds non è dei migliori. Reduci da una sconfitta interna contro uno Swansea che non è certo la squadra dello scorso anno, i Reds devono fare i conti anche con le eliminazioni in Coppa di Lega ed in FA Cup. Un brusco ridimensionamento dei piani per il Liverpool. Klopp non è in discussione, anzi, ma è chiaro che una flessione ci sia stata. Il recupero di Sadio Mané dovrà essere la chiave di volta per un nuovo  cambio di tendenza. Klopp punta molto sul recupero del suo attaccante: con Mané impegnato in Coppa d’Africa infatti sono arrivate tre sconfitte in dieci giorni. Una vittoria questa sera aprirebbe scenari interessanti, mentre una sconfitta condannerebbe probabilmente il Liverpool ad un altro anno di magra.

L’ARSENAL TRA PRESENTE E FUTURO – I Gunners ospitano il Watford di Mazzarri in quella che sulla carta dovrebbe essere una partita favorevole agli uomini di Arsène Wenger per guadagnare punti su almeno una tra Chelsea e Liverpool. Il tecnico transalpino non può permettersi di perdere altri punti ora che stiamo entrando nel vivo della stagione, soprattutto con lo scontro diretto col Chelsea alle porte. Nonostante tecnicamente e matematicamente sia ancora in corsa per il titolo, Wengwr pare comunque vicino al termine della sua esperienza all’Arsenal. Dopo più di vent’anni sulla panchina dei Gunners pare che il meglio Wenger lo abbia ormai già dato. Il suo Arsenal da qualche anno ormai non è più una pretendente seria per il titolo. A chiudere in bellezza però ci tengono tutti. Specialmente un esteta come il francese.