1 min readTorino-Inter 0-1: nerazzurri al massimo col minimo sforzo

1 min readTorino-Inter 0-1: nerazzurri al massimo col minimo sforzo

8 Novembre 2015 Off Di Mario Mancuso

Ancora in testa, ancora 1-0, terza vittoria di fila. L’Inter di Mancini non esalta e rischia, ma ancora una volta fa risultato e si tiene stretta la testa della classifica. L’idea della squadra massiccia, fatta di pittbull come Medel e Melo, che più che dare spettacolo deve pensare a vincere le partite si sta rivelando efficace per ora e Mancini non può fare altro che guardare tutti dall’alto. Sorridono tutti i nerazzurri oggi, da Handanovic che ritrova sicurezza ed è decisivo su Quagliarella, a Kondogbia che finalmente trova la prima gioia e da i 3 punti ai suoi. Dall’altra parte un Torino bello da vedere ma che non riesce a punire, fermato prima da una traversa, poi da Handanovic. Nonostante un 3-5-2 con D’Ambrosio e Nagatomo, nonostante l’intesa tra jovetic e Icardi non sia proprio al top Mancini vince. Tre punti che aiutano, tre punti che non solo fanno respirare ma motivano anche, perché se si è in grado di vincere soffrendo, di vincere tenendo in panchina gente come Perisic e Ljaic e preferendo Palacio, forse questa Inter merita davvero di stare li in cima. In mezzo a tutto ciò non si vede Icardi, solo, poco incline a venire incontro al pallone e ad oggi lontano parente del capocannoniere della scorsa stagione. A questa squadra insomma sembra mancare veramente solo la qualità in mezzo per far girare tutto come si deve. La sensazione è che quando Mancini troverà questo giocatore, questo regista, allora forse l’Inter potrà convincere e quindi pensare anche ad un allungo su delle sfidanti che ad ora sono qualitativamente (ma  non quantitativamente, partita con la Roma docet) migliori.

TOP/FLOP INTER:

TOP: Kondogbia- finalmente gioisce il francese, ma soprattutto gioiscono i tifosi per i 40 milioni spesi

FLOP: Icardi-come detto sopra, la brutta fotocopia del capocannoniere della scorsa stagione-

Correva l'anno home