2 min readTorino-Frosinone 4-2: i granata decollano, il Frosinone resta Immobile

2 min readTorino-Frosinone 4-2: i granata decollano, il Frosinone resta Immobile

16 Gennaio 2016 Off Di Francesca Petrucci

Allo stadio Olimpico di Torino la squadra di Ventura accoglie i canarini di Stellone. I granata scendono in campo schierando dal primo minuto Ciro Immobile. Resta fuori Quagliarella, dopo i fatti del San Paolo. Per il Frosinone, fuori Diakité, in crisi con il club e reduce da prestazioni discutibili, e dentro Rosi. Confermato Kragl mentre in porta torna Nicola Leali.

LEGGI LE PAGELLE DEL MATCH DELL’OLIMPICO!

PRIMO TEMPO – Il Torino si mostra aggressivo fin dalle prime battute. La prima occasione è al 3’ minuto con Baselli ma Leali, complice il palo, respinge prontamente. Il vantaggio dei granata arriva cinque minuti dopo quando Bertoncini, ingenuamente, atterra Glik: Immobile dal dischetto non sbaglia. Il Frosinone è in evidente difficoltà. Non riesce a chiudere sugli esterni e si trova spesso in inferiorità numerica in fase difensiva. La prima conclusione dei canarini è di Soddimo, all’11’: tenta invano di centrare la porta ma la palla finisce fuori. È probabilmente la prima gara in cui, fin dall’inizio, i ragazzi di Stellone si mostrano timidi e soffrono di più. Il Torino, invece, sembra rigenerato dal ritorno di Immobile. La situazione per i gialloblu sembra migliorare intorno al 20’ ma il risultato resta invariato. Ai ragazzi di Stellone manca continuità di gioco, sono frettolosi e imprecisi. È a partire dal 30’ che la partita si vivacizza e il Toro viene raggiunto sull’1-1 con una rete di testa di Sammarco. Il pareggio però dura poco. Troppo netta la superiorità del Torino tanto che i ciociari tornano in svantaggio già al 37’ grazie al gol di Belotti abile a sfruttare una respinta di Leali su colpo di testa di Ciro Immobile. L’attaccante si ripete poco più tardi, al 41’, fissando il 3-1 con cui le squadre vanno al riposo.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre con il Frosinone più voglioso ed alla ricerca della rete per riaprire l’incontro. Ma il Toro mantiene l’atteggiamento aggressivo del primo tempo sospinto anche dal tifo della Maratona che ha trovato nuova linfa con il ritorno di Ciro Immobile. Stellone prova a cambiare pelle ai suoi abbandonando il 4-4-2 per un più offensivo 3-4-3. Il nuovo approccio tattico sembra portare qualche frutto. All’8’ della ripresa Tonev prova la conclusione che però finisce in calcio d’angolo. I gialloblu sembrano più equilibrati e tentano di sorprendere gli avversari in contropiede. Il Torino cerca la rete del 4-1 nuovamente con Belotti ma la difesa ciociara fa muro e blocca l’azione. Al 17’ una grande azione di Sammarco termina fuori di poco. Buona prestazione del giocatore canarino, artefice di una rete da manuale nel primo tempo. La gara si mantiene viva per tutto il secondo tempo con azioni interessanti che giungono da entrambe le parti. Al 30’ il Frosinone riesce nel suo intento di accorciare le distanze grazie ad un autogol di Avelar che arriva sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ma anche in questo caso per i ciociari la doccia gelata è immediata. Al 36’ infatti Benassi scrive definitivamente la parola fine sulla gara anticipando tutti su un retropassaggio dal fondo di un ottimo Belotti. Un gol di precisione che sigla il 4-2 per i granata. I quattro minuti di recupero non bastano al Frosinone, ormai sotto di due reti. La partita si chiude sul 4-2. Il Torino tira un respiro di sollievo e sale a 25 punti. Stellone, invece, incassa la nona sconfitta consecutiva.

Correva l'anno home