Serie A, la Top 11 della ventiquattresima giornata

La ventiquattresima giornata di campionato conferma la lotta a due per lo Scudetto. Juve e Napoli non smettono di vincere e allo scontro diretto previsto per Sabato prossimo, i campani arrivano con 2 punti di vantaggio sui bianconeri. Le due compagini sembrano imbattibili e riescono a portare i tre punti a casa nonostante le difficoltà in due partite complicatissime contro Frosinone e Carpi. Higuain e Dybala, ancora una volta trascinatori, si scontreranno in una gara emozionante e di straordinario appeal. Dietro le prime due, frenano praticamente tutte tranne la Roma. La squadra di Spalletti, alla terza vittoria consecutiva, recupera punti su Inter e Fiorentina bloccate sul pari da Verona e Bologna, e stacca il Milan che non riesce ad andare oltre l’1 a 1 con l’Udinese. Bruttissima battuta d’arresto per il Torino, che in casa si fa praticamente male da solo uscendo sconfitto dal Chievo.

Anche questa settimana TabserNews non può farvi mancare la Top11 di giornata.

In porta troviamo il giallorosso Szczesny. Il polacco rimane a guardare il match per tre quarti di gara. Quando si sveglia la Samp, lui diventa insuperabile bloccando Cassano con una super parata e consentendo alla Roma di portare a casa 3 punti fondamentali. Difesa composta da Helander del Verona, che riesce a realizzare la prima rete in Serie A e gioca una buonissima partita. Al suo fianco Pablo Armero, che realizza il classico gol dell’ex e sforna una prestazione da leccarsi i baffi. Chiude il pacchetto arretrato Rudiger. Il giocatore della Roma migliora partita dopo partita, ed anche contro la Samp da grandi segnali sia dal punto di vista della sicurezza che da quello tecnico. Centrocampo a quattro, composto da Benassi, autore di una bellissima rete e di una prova da migliore in campo per il suo Torino, Missiroli, che con la sua corsa e le sue costanti prestazioni convincenti, ha fatto capire il perchè Di Francesco quando lo ha a disposizione lo mette sempre in campo, ed è riuscito anche a tornare al gol contro il Palermo, Birsa, che con grande coraggio, dopo il rigore sbagliato si ripresenta sul dischetto e regala tre punti importanti al suo Chievo e Cuadrado, che sblocca una gara difficilissima per la Juve dopo tante belle giocate. Attacco devastante, con Niang, al terzo gol consecutivo, che a tratti sembra immarcabile, e non è un caso che il Milan non sfondi più quando è costretto a rinunciare al francese per un piccolo problema muscolare. Al suo fianco Franco Vasquez, gol e assist e ancora grandissime giocate per il rosanero, che tornerà sicuramente utile alla nazionale italiana e che di Niang potrebbe diventare compagno di squadra dalla prossima estate. Chiude questo dream team Perotti. Il neo acquisto della Roma è devastante. Trova sempre la giocata, salta l’avversario, conclude a rete e realizza un gol di pregevolissima fattura. Se dovesse trovare la costanza necessaria, potrebbe diventare un punto fermo della formazione di Spalletti.

Allenatore di questa squadra da sogno è Roberto Donadoni. Il suo Bologna vola, da quando lui è sulla panchina felsinea solo Napoli e Juventus hanno fatto più punti. Considerando che le prime due della classifica giocano un campionato a parte, i risultati dell’ex giocatore rossonero sono straordinari. Da una situazione estremamente complicata, con bel gioco e grandi vittorie, i rossoblu si sono risollevati in classifica e danno la sensazione netta di riuscire a rimanere fuori dalla zona pericolosa sino alla fine del torneo.

La Formazione:
Szczesny

Rudiger, Helander, Armero

Cuadrado, Benassi, Missiroli, Birsa

Niang, Vasquez, Perotti

All. Roberto Donadoni

Vincenzo Tripodo

Vincenzo Tripodo

Articolista con passione per lo sport. Tifo Messina da quando parlo e sono trapiantato al Nord per esigenze lavorative.

Yes No