2 min readSerie A, la Top 11 della tredicesima giornata

2 min readSerie A, la Top 11 della tredicesima giornata

23 Novembre 2015 Off Di Vincenzo Tripodo

La tredicesima giornata di Serie A ha decretato il ritorno al primo posto dell’Inter. La squadra di Mancini, sbarazzatasi con un secco 4-0 del Frosinone di Stellone, si porta a quota 30 punti, con 2 di vantaggio su Napoli e Roma. Proprio i partenopei, vittoriosi a Verona con il duo Insigne-Higuin, saranno i prossimi avversari dei nerazzurri in un Monday Night tutto da vivere. Risale la china la Juventus, che pur non brillando riesce a stendere il Milan di Mihailovic grazie a Paulo Dybala, e supera proprio i rossoneri in classifica. In coda, dopo la serie positiva portata avanti da Donadoni e il suo Bologna, i felsinei si confermano pareggiando contro una Roma sprecona, su un campo che aveva più le sembianze di una piscina che di un rettangolo verde. Adesso i rossoblu sono fuori dalla zona retrocessione, con 2 punti di vantaggio sul Frosinone, e si reinseriscono con prepotenza nella lotta per non retrocedere. La nostra Top 11 di questa tredicesima giornata vede in porta il giovane esperto Gianluigi Donnarumma. Il portiere rossonero, alla tenera età di 16 anni, gioca come un veterano, con una spregiudicatezza e una sicurezza degna dei grandi campioni. L’abbraccio con Buffon a fine partita sembra proprio un passaggio di consegne e il futuro per questo ragazzo sembra davvero già scritto. In difesa ottima la prova di Bovo, che corona con una rete da 3 punti la sua prestazione e permette al Toro di espugnare il campo difficile di Bergamo. Al suo fianco un altro goleador improvvisato, tale Francesco Acerbi, che con un gol di rapina aveva rimesso in piedi il Sassuolo nella sfida contro il Genoa. Completa il reparto arretrato la sorpresa Alex Telles. Il terzino dell’Inter sfodera una grande prestazione, sia in fase difensiva che in fase offensiva. Rosi e Castillo non lo saltano mai, ed in compenso arriva spesso sul fondo mettendo in mezzo palloni che cantano. Per sua sfortuna la squadra nerazzurra non possiede colpitori di testa straordinari. A centrocampo buona la partita di Badu, che regala 3 punti fondamentali all’Udinese. Al suo fianco citiamo Tomas Rincon, che con un bellissimo gol(primo con la maglia del Genoa in Serie A) fa esplodere Marassi per il vantaggio iniziale del Grifone. Menzione d’obbligo anche per Antonio Candreva, che rimette in piedi la sua Lazio in una complicata partita contro il Palermo. Completa il reparto nevralgico Giaccherini, che risulta decisivo nella partita contro la Roma. Lotta come un leone nelle pozzanghere del Dall’ara, e conquista il rigore del definitivo pareggio con una bella giocata su Torosidis. L’attacco è composto da Kalinic, autore ancora di una doppietta e di una grande partita, con la quale salva la Fiorentina dalla sconfitta nel derby toscano con l’Empoli. Accanto all’ariete viola c’è Ljiaic, in grandissima condizione sia fisica che mentale, capace di regalare 2 assist e giocate d’alta scuole nella fredda serata di San Siro. Completa il roster della nostra Top 11 Dybala, che, ancora una volta, riesce ad essere decisivo per la sua Juventus e risolve una partita complicatissima con una zampata da campione. In panchina, a gestire questi fantastici 11, ci va Roberto Mancini, perchè sarà anche vero che la sua Inter non entusiasma dal punto di vista del gioco, ma ha totalizzato 30 punti in 13 partite, ha la miglior difesa del torneo, e se togliamo la batosta interna con la Fiorentina, fino ad adesso non ha mai steccato i grandi appuntamenti. Lunedi a Napoli sarà la sfida decisiva, per capire le reali potenzialità della squadra nerazzurra.

La formazione:

Donnarumma

Acerbi, Bovo, Telles

Giaccherini,Badu, Rincon, Candreva

Dybala, Kalinic, Ljiaic

All. Mancini

Correva l'anno home