3 min readSerie A, la Top 11 della diciannovesima giornata

3 min readSerie A, la Top 11 della diciannovesima giornata

11 Gennaio 2016 0 Di Vincenzo Tripodo

L’ultima giornata del girone di andata del campionato di Serie A ha permesso al Napoli, vittorioso sul campo del Frosinone, di vincere il titolo di campione d’inverno. Pazzesca la media gol di Gonzalo Higuain, capocannoniere indiscusso del nostro torneo con 18 gol in 19 partite. Superata, quindi, l’Inter, costretta a subire il secondo stop consecutivo in casa ad opera del Sassuolo di Eusebio Di Francesco e Domenico Berardi, autore del rigore decisivo in pieno recupero. Prepotentemente torna a ridosso del primo posto la Juventus, a soli due punti dai partenopei con la nona vittoria di fila, grazie a Pogba e Khedira che consentono ai bianconeri di espugnare il Marassi di Genova contro una Samp comunque positiva. Male la Roma ed il Milan che pareggiano una partita dai bassi contenuti tecnici. Statistica curiosa in questa giornata, 8 partite su 10 sono finite con la vittoria della squadra in trasferta. Unico pareggio quello tra Roma e Milan ed unica vittoria interna quella del Carpi contro l’Udinese. Posizione delicata per Torino e Verona, ancora sconfitte a domicilio ed ancora ampiamente contestate.

TabserNews, anche per l’ultima giornata di andata, vi propone la Top 11.

Difficilissimo scegliere il numero 1. Tanti portieri hanno fatto una prestazione sensazionale. Sorrentino, Handanovic e Skorupski meriterebbero una menzione. Noi scegliamo Consigli. La parata su Ljiaic dell’estremo difensore del Sassuolo è di quelle da ricordare per sempre. Un balzo incredibile che permette alla manona del giovane portiere di togliere la palla dal sette. Difesa composta da Raul Albiol, autore del gol che apre la partita a Frosinone per il Napoli, e di una buona prestazione,Rudiger, che convince ben più di Manolas al centro della difesa della Roma e trova la prima gioia personale in Serie A. e Giorgio Chiellini. Il suo salvataggio sulla linea negli ultimi minuti di Sampdoria – Juve permette ai bianconeri di ottenere la vittoria consecutiva numero 9. Centrocampo variegato nel quale trova posto Paul Pogba, che realizza una rete fantastica con un controllo di palla da fenomeno vero. Il Francese sembra essere tornato ai suoi livelli abituali ed è un piacere vederlo giocare. Jurai Kucka merita la menzione per la sua buonissima prestazione in quel di Roma, condita anche dalla rete che permette ai rossoneri di acciuffare il pareggio. Di questa formazione, questa settimana, fa parte anche Simone Pepe, autore del gol vittoria del suo Chievo a Bologna. Destro velenoso e prestazione convincente. Secondo gol consecutivo per l’ex Juve che sembra essere definitivamente uscito dal tunnel degli infortuni che per lungo tempo lo hanno tenuto lontano dai campi di gioco. Chiude il centrocampo Milinkovic-Savic della Lazio, che ha il merito di blindare la vittoria dei biancocelesti in quel di Firenze dopo essere stato indubbiamente il migliore in campo per il resto della gara. In avanti, la scelta è piuttosto obbligata. Gonzalo Higuain, con 18 reti in 19 gare è sicuramente alla sua migliore stagione in carriera. Sfata il tabù rigore e segna un gol da campione saltando tutta la difesa frusinate. Al suo fianco inizia il 2016 cosi come aveva terminato il 2015 Massimo Maccarone. Big Mac realizza la rete da tre punti a Torino e porta l’Empoli in piena zona Europa League. Oltre il gol, l’attaccante azzurro da l’impressione di essere in stato di grazia poichè ogni pallone che tocca diventa oro colato anche per i compagni. Ultimo componente del dream team di questa giornata è Pavoletti del Genoa. Dopo la doppietta nel derby contro la Samp, l’avanti del Grifone trascina i suoi alla vittoria chiudendo il match di Bergamo con un gol da attaccante di razza. Di testa le prende tutte lui, lotta con ardore e raramente perde un contrasto. Con un Pavoletti cosi, il Genoa potrà sicuramente risalire la china.

Allenatore di questa formazione è Eusebio Di Francesco. Il suo Sassuolo va a Milano a giocarsi la partita, risponde colpo su colpo all’Inter di Mancini, rischiando qualcosa ma avendo la meglio nel finale grazie al guizzo di Defrel, appena entrato, che si procura il rigore. La lettura della partita del tecnico neroverde è di altissima qualità. Il sesto posto della sua macchina perfetta è una logica conseguenza.

La Formazione:

Consigli

Rudiger, Raul Albiol, Chiellini

Pepe, Pogba, Kucka, Milinkovic-Savic

Maccarone, Higuain, Pavoletti

All. Eusebio Di Francesco

Correva l'anno home