Sampdoria, Montella: “La panchina azzurra sarebbe un grande riconoscimento”

Alla vigilia di Palermo-Sampdoria, il tecnico Vincenzo Montella non nasconde la felicità riguardo al percorso fatto dalla sua squadra da quando siede sulla panchina blucerchiata. E riguardo al suo futuro, non nasconde l’orgoglio di poter guidare un giorno la Nazionale Italiana.montella11

Il tecnico fa notare i cambiamenti della Samp: “Abbiamo cambiato interpreti, strategia e metodo di gioco da gennaio ad oggi ma ora siamo continui, contando le ultime nove partite saremmo al sesto posto. Il fatto che con 40 punti non siamo ancora salvi vuol dire che c’è un livellamento, ma più che i punti però conta la posizione finale”.

Parlando invece della sfida contro il Palermo in programma domani alle ore 15:00: “Abbiamo stimoli e motivazioni per battere il Palermo. Crediamo nei valori dello sport e vogliamo migliorarci. Stiamo crescendo come condizione e intelligenza nell’interpretazione di gara. Sapremo colpire nel momento giusto. Alvarez e Cassano stanno bene e verranno con noi, Moisander invece resterà a Genova”.

E riguardo al suo futuro, Montella non esclude un posto come prossimo commissario tecnico della Nazionale: “Bisogna essere chiari e schietti tra le persone. Con la società ci siamo sempre detti tutto e così faremo ancora. Non ho avuto nessun contatto per la Nazionale, non ci voglio manco pensare. Non posso dare a mente a tutte le voci che girano. La panchina azzurra sarebbe ovviamente un grande riconoscimento e una sfida. Ma ci penserò solo e se succederà”.

Infine, il tecnico chiude facendo i complimenti ad Emiliano Viviano: “L’ambiente Samp gli fa bene, è cresciuto molto ed è reduce da due ottime annate. Meriterebbe di andare agli Europei”.