2 min readRoma-Lazio 2-0, le pagelle dei biancocelesti

2 min readRoma-Lazio 2-0, le pagelle dei biancocelesti

8 Novembre 2015 Off Di Giorgio Catani

Il derby lo vince la Roma. La Lazio paga a caro prezzo un rigore concesso ai giallorossi per un fallo che appare evidentemente fuori area e che sblocca l’incontro dopo appena otto minuti, un po’ di sfortuna, leggasi la traversa di Felipe Anderson, ed anche un atteggiamento forse troppo arrendevole. Ecco le pagelle dei biancocelesti:

Marchetti 5: il suo posizionamento sul secondo gol, quello che di fatto chiude la partita, è completamente sbagliato ed ingiustificato anche perché al centro non c’era assolutamente nessuno;

Basta 6: la sua doveva essere una partita esclusivamente dedicata al contenimento e così è stato. Soffre leggermente nella ripresa quando la Lazio deve scoprirsi per tentare di recuperare il gol di svantaggio. E’ lui che segue Gervinho in occasione dello scatto dell’ivoriano sul secondo gol portandolo giustamente verso l’esterno; ma c’è l’errore di Marchetti a vanificarne l’operato;

Mauricio 6: regge bene l’urto con Dzeko ed alla fine risulta tra i migliori della retroguardia biancoceleste;

Gentiletti 5,5: in avvio di partita è decisamente in bambola e da una sua leggerezza, o meglio dalla sua lentezza, nasce il vantaggio dei giallorossi (netto l’errore di valutazione di Tagliavento nell’occasione). Pochi minuti dopo rischia l’espulsione per doppia ammonizione ma viene graziato dall’arbitro. Migliora leggermente con il passare dei minuti ma non basta a cancellare l’avvio da teatro degli orrori;

Radu 6: Salah non la vede quasi mai ed il merito è anche suo. Deve stare fermo e cercare di limitare i danni. Gli riesce abbastanza bene; (dal 67′ Keita 6,5: sta in palla ed è inevitabile chiedersi se una sua partenza tra i titolari avrebbe potuto rendere più pericolosa la Lazio);

Biglia 6: regia scolastica complice lo scarso dinamismo dei compagni di squadra. Però recupera e gioca un numero impressionante di palloni;

Lulic 6,5: per distacco il migliore della Lazio. Lotta su ogni pallone ed è come spesso capita l’ultimo ad arrendersi. Litiga un po’ troppo con il pallone ma è noto che la tecnica non sia una delle sue qualità migliori;

Parolo 6: il suo voto nasce dal gran lavoro sporco fatto in interdizione. Non lascia il segno in avanti; un po’ come tutta la Lazio;

Felipe Anderson 6: da lui ci si aspetta sempre di più ma sicuramente del trio d’attacco è quello che si lascia preferire. La traversa gli ha negato un gol che sarebbe passato agli annali e che avrebbe forse cambiato volto alla partita;

Candreva 5: partita sottotono. Non trova mai lo spunto se non immediatamente dopo il gol dell’1-0 quando  ha sul destro l’unico pallone buono della sua partita. Ma il tiro finisce alto a lato; (dall’82’ Matri 6: quanto meno apporta un minimo di dinamismo all’attacco biancoceleste);

Djordjevic 5: sgomita e tenta qualche timida sponda. Avrebbe una buona occasione che Rudiger gli nega sventando il pericolo anticipandolo in angolo. Per il resto poca sostanza; (dal 62′ Klose 5,5: sembra entrare bene in partita ma si perde anche lui con il passare dei minuti. Ha una grandissima occasione, che spreca deviando sopra la traversa, su una bella giocata di Keita);

Correva l'anno home