1 min readSampdoria-Napoli 2-4, le pagelle dei blucerchiati: bene Correa, Barreto disastroso

1 min readSampdoria-Napoli 2-4, le pagelle dei blucerchiati: bene Correa, Barreto disastroso

24 Gennaio 2016 0 Di Filippo Rovani

Viviano 5,5: Gli attaccanti del Napoli lo impegnano in molte occasioni e si fa trovare spesso preparato, difficile colpevolizzarlo per i gol subiti ma da lui ci si aspetta qualche guizzo in più;

Cassani 4,5: Protegge bene la fascia destra ma sono troppo ingenui i falli che portano alla doppia ammonizione: lascia la squadra in dieci al 16′ del secondo tempo, ed immediatamente il Napoli segna il 3-1 partendo dalla zona di sua competenza;

Moisander 5: Prestazione opaca, troppo spesso viene superato da dribbling e passaggi filtranti;

Zukanovic 5: La sua fisicità non è sufficiente a fermare gli attaccanti avversari, serve più intelligenza e più velocità nelle coperture sulle diagonali;

Regini 6,5: Tiene bene sulla sinistra e spesso si propone in avanti con i tempi giusti;

Barreto 2: Regala l’assist per il primo gol di Higuain e commette ingenuamente il fallo da rigore su Albiol, prova da dimenticare;

Correa 7,5: E’ l’uomo più pericoloso dei blucerchiati: le sue giocate sono sempre di qualità, attira i difensori avversari liberando i compagni, segna il gol del 1-2 che fa tremare il Napoli;

Fernando 6: Prova a tenere in piedi il centrocampo ma non è aiutato da Barreto che lo lascia da solo a combattere contro tutti;

Carbonero 6: Entra troppo raramente nel vivo del gioco, ma quando lo fa è vivace e pericoloso;

Eder 6,5: Anticipa tutti per il gol di testa del 2-3 che riapre le speranze dei suoi quando si trovano già in inferiorità numerica, prova di maturità e sacrificio per lui;

Cassano 5,5: Prova a giocare d’astuzia ma è troppo lento e troppo solo e la marcatura di Koulibaly lo sovrasta;

Alvarez 5: entra per Barreto al 56′ ma sembra ancora spaesato negli schemi di Montella, da rivedere;

Dodo s.v.

Ivan s.v.

Montella 5: La terza sconfitta consecutiva pesa nel campionato doriano, a sprazzi si vede la qualità nel possesso palla ma la squadra è scesa in campo con l’approccio sbagliato.

Correva l'anno home