Milan-Juve 1-2, le pagelle dei rossoneri

Ecco le pagelle della squadra rossonera nell’anticipo serale dI Serie A tra Milan e Juventus.

Donnarumma 6: Poche emozioni per il portiere rossonero, incolpevole sui gol e non impegnato in altre situazioni

Abate 5.5: Propone, corre, ma poi nel momento fondamentale si lascia beffare da Pogba sul gol del 2 a 1

Alex 5: Segna un gol importante, tutto il resto lo sbaglia. Errore grave quello sul pareggio della Juventus, in condominio con Romagnoli.

Romagnoli 5: Vale lo stesso discorso fato per Alex a parte il gol. Brutta partita per il centrale rossonero, sempre in affanno contro l’attacco bianconero.

Antonelli 5: Non riesce mai ad essere incisivo e dalla sua parte Pogba sfonda facilmente per tutta la ripresa.

Kucka 6: Fino a quando ne ha è uno dei migliori in campo. Dopo il vantaggio juventino si innervosisce e scompare dal campo

Montolivo 5.5: Sbaglia meno di altre gare in fase di impostazione, soffre maledettamente le trame del centrocampo bianconero, non riuscendo mai a interrompere l’azione avversaria.

Honda 4.5: Rientra e non si nota. Sbaglia quasi tutti i passaggi e non copre mai sulle sgroppate di Alex Sandro

Bonaventura 5: Forse per la prima volta il furetto del Milan sbaglia la gara. Non salta mai l’uomo, non si propone e non arriva mai alla conclusione

Bacca 4: Stop sbagliati, giocate senza precisione. La partita del centravanti rossonero è da peggiore in campo.

Balotelli 6.5: Il migliore dei suoi. Pericoloso quando tocca palla, dal suo piede nasce il gol rossonero. Conclude un altro paio di volte in maniera pericolosa. Pesa sul suo 7 l’errore in occasione della parata di straordinaria di Buffon che ne impedisce la rete.

Boateng 6: Fa più lui per 20 minuti in campo di quanto Honda per tutta la gara.

Luiz Adriano 6: Si muove, cerca di dare sostanza all’attacco rossonero, ma le gambe della squadra non rispondono come per i primi 60 minuti.

Mihailovic 5: Il suo Milan gioca una buona gara. Le sue scelte lasciano discutere. Fa uscire Honda mettendo Luiz Adriano forse troppo tardi. Anche la scelta di non fare entrare Locatelli, ormai senza tuta, mette in evidenza una mancanza di sensibilità verso un’ esordiente che si vede tolta la possibilità di calcare il terreno di San Siro a pochi centimetri dalla riga bianca.

Vincenzo Tripodo

Articolista con passione per lo sport. Tifo Messina da quando parlo e sono trapiantato al Nord per esigenze lavorative.