1 min readIl Personaggio: Luca Toni

1 min readIl Personaggio: Luca Toni

1 Maggio 2015 Off Di Germano Cipriano

Pavullo nel Frignano ai più non dice nulla il piccolo paese dell’appennino Tosco Emiliano invece nel 1977 da i natali ad uno ragazzo che diventerà uno dei maggiori eroi dell’epico mondiale Tedesco del 2006.
Luca Toni oggi trentasettenne sta vivendo la sua ventunesima stagione nel calcio professionistico ma sembra che il tempo non sia passato, con diciassette gol alla guida dell’Hellas è in lotta per l’ennesima volta per la conquista del titolo di capocannoniere, gia vinto per tre volte.
Inizia nel Modena squadra della sua Città poi una gavetta interminabile nelle serie minori, fino alla parentesi di Brescia e quella di Palermo che lo mettono in luce e dimostrano che quel gigante non è solo alto ma è un goleador di razza. È cosi che nell’estate del 2005 passa alla Fiorentina, società che da sempre riesce a valorizzare al meglio i talenti che ha. Luca in poco tempo riesce ad entrare nel cuore dei tifosi Viola cosi come era successo in precedenza a campioni come Antonioni e Batistuta. Purtroppo in quegli anni la Fiorentina non è una squadra che possa ambire a risultati importanti, cosi quando arriva l’offerta per il centravanti campione del mondo la dirigenza viola decide di cederlo.
L’esperienza in Germania e positiva e per lui arrivano anche i primi successi con una squadra di Club, ma dopo un paio d’anni il rapporto si deteriora e torna in Italia, alla Roma. L’esperienza in maglia giallorossa è breve. Poi Juve, Genoa e il ritorno alla Fiorentina. Ma a questo punto la sua carriera sembra in declino e cosi in scadenza di contratto firma con il Verona per un anno. Mandorlini è convinto che Toni in una squadra neopromossa possa essere ancora determinante. E non si sbaglia, perché in maglia Gialloblu totalizza in due stagioni trentanove gol.
Senza dubbio il successo più importante della sua carriera è in l mondiale di Germania del 2006 dove Luca realizza due gol ed è un protagonista assoluto della vittoria finale.
Da ricordare che è stato il primo Italiano a vincere la Scarpa d’oro e successivamente solo Francesco Totti e riuscito a bissare il successo del modenese.

Correva l'anno home