Liga, 6° giornata: sorridono Ath. Madrid e Villarreal, vince anche il Valencia

Scende in campo la Liga per i match valevoli per la sesta giornata di campionato: tante emozioni e spettacolo puro nelle sfide più incandescenti di giornata che hanno visto protagonisti di Ath. Madrid, Villarreal e Valencia conquistare successi importanti in chiave classifica.

Leganes e Valencia si affrontano nel consueto lunch match di giornata: a trionfare sono gli ospiti che si impongono sul verdetto di 2-1. Allo stadio Butarque, i padroni di casa del Leganes costringono subito gli avversari del Valencia all’inseguimento. Dopo un avvio di gara equilibrato, l’inerzia del match s’infrange poco prima della mezzora e l’ago della bilancia pende a favore del Leganes, che passa in vantaggio con la rete di Szymanowski, abile a controllare un difficile pallone e beffare di testa l’estremo difensore avversario. Ma il Valencia rialza la testa dopo soli pochi minuti riaprendo un’avvincente sfida con una pregevolezza firmata da Nani: un sinistro a giro ai limite dell’area di rigore accorcia le distanze riportando il match in perfetta parità. Più avvolgente la manovra offensiva del Valencia che macina metri nella trequarti campo del Leganes, puntando sugli spunti di Nani, lesto a trovare un varco tra le maglie avversarie e servire un assist al bacio per Suarez, autore della rete del 2-1.

Il pomeriggio di Liga prosegue con la sfida tra Ath. Madrid e Deportivo La Coruna: nella magica atmosfera del Calderon, i ragazzi di Simeone centrano una vittoria preziosa, imponendosi seppur di misura sull’1-0. Monologo dei padroni di casa già in avvio di gara: il Depor, imbottigliato nella propria trequarti campo, non riesce a conferire dinamismo e vivacità all’azione offensiva. Le occasioni più ghiotte le colleziona l’Ath. Madrid, che lavora sull’asse Gameiro-Griezmann puntando sulle insidiose folate dell’attaccante francese. Dopo una prima frazione di gara disputata a rimi elevati ma a reti inviolate, il turning point del match si realizza al 70’: è un’autentica perla di Griezmann a piegare la resistenza del Deportivo e risolvere le sorti di una sfida complicata sotto il profilo tattico. Deboli gli assalti sferrati dal Depor nel disperato tentativo di ristabilire l’equilibrio in campo: sotto la spinta di un Calderon vestito a festa per le occasioni migliori la formazione di Simeone archivia la pratica approfittando anche della superiorità numerica, dovuta all’espulsione di Fajr tra le fila degli avversari.

Termina 3-1 un match a dir poco rocambolesco e ricco di emozioni che premia il Villarreal, uscito vittorioso contro l’Osasuna. Al Madrigal non c’è davvero tempo per annoiarsi: lo spettacolo vero e proprio inizia dopo solo 5’ dal fischio di avvio. Ci pensa Pato, che di testa stacca di gran classe disegnando una traiettoria imprendibile per il portiere, a gelare l’Osasuna, incapace di reagire e proporsi in avanti dopo la doccia gelata. Il Villarreal continua a dilagare e cala il tris prima con la rete di Bruno, implacabile dal dischetto, poi nel finale con uno splendido pallonetto firmato da Sansone, che non lascia spazio a repliche. Il gol della bandierina reca il nome di Torres, che riesce a rendere meno amara la sconfitta: il rigore abilmente concretizzato dall’attaccante non macchia però un’impeccabile performance tecnica del Villarreal.

La serata all’insegna della Liga si conclude con il passo falso dell’Espanyol che, in casa, si inchina al Celta Vigo, impostosi sul 2-0. Poche occasioni da rete in una sfida senza grandi squilli da ambo le parti. La pratica si chiude nel finale: a decidere le sorti del match è Giuseppe Rossi che al 90′ infrange le speranze dell’Espanyol beffando l’estremo difensore con una rasoiata da posizione defilata che si stampa in rete come una condanna. In extremis giunge anche il raddoppio firmato da Sisto, abile a rubare il tempo agli avversari e suggellare un match dal finale sorprendente.