Loading

Alle 23:00 del 31 Agosto 2016 si è chiusa definitivamente la porta del Calciomercato. Finisce, quindi, la sessione estiva dei trasferimenti con qualche sorpresa e molti rimpianti. Cerchiamo di capire chi si è davvero rinforzato e chi invece non è riuscito a piazzare la zampata vincente.

ATALANTA: La squadra Bergamasca, protagonista nell’ultimo giorno di mercato con diversi movimenti, ha fatto un buon mercato. Salutati Cigarini, De Roon, Borriello e Bellini, Gasperini ha ottenuto gli arrivi di Paloschi, Kessie, Zukanovic, Konko, Berisha e Pesic. Sartori è riuscito a trattenere anche Gomez nonostante il lungo corteggiamento della Premier e del Milan. Da rivedere la gestione del caso Sportiello, promesso alla Fiorentina per tutta la giornata e poi rimasto a Bergamo, con poche possibilità di vedere il campo.

Formazione tipo:

Berisha,Masiello, Toloi, Zukanovic, D’Alessandro, Kessie, Carmona, Kurtic, Dramè, Paloschi, Gomez.

BOLOGNA: Squadra fortemente rivoluzionata, con l’arrivo di Cerci saltato all’ultimo secondo per il non superamento delle visite mediche. Le perdite di Giaccherini e Diawara diventano sopportabili grazie agli acquisti di Nagy e Dzemaili. Buoni i colpi Torosidis, Sadiq, Helander e Viviani. Dal Torino arriva anche Gomis in prestito per gestire il problema di Mirante, assente per lungo tempo. Qualche dubbio sull’attacco. Verdi e Krejci sembrano leggerini per affrontare la Serie A. Aumentano quindi le responsabilità per Mattia Destro.

Formazione tipo:
Gomis, Torosidis, Gastaldello, Oikonomou, Masina, Dzemaili, Nagy, Taider, Verdi, Destro, Krejci

CAGLIARI: Mercato di alto profilo della squadra sarda, con il caso Mati Fernandez che farà discutere ancora per molto. Squadra rinforzata in quasi tutti i reparti, con alcuni usati garantiti che tranquillizzano  Rastelli per una salvezza che sembra decisamente alla portata del club rossoblu. Bruno Alves è un ottimo difensore, che può fare da chioccia a Salamon. Isla, dovesse tornare a buoni livelli, garantisce sulla fascia spinta e Cross. Padoin e Ionita sono ottimi centrocampisti, che accompagneranno Di Gennaro in un reparto bene assortito. Borriello ha già dimostrato nelle prime giornate di non avere perso il fiuto del gol. Il colpo dell’ultimo giorno è comunque Tachtsidis che non dovrebbe insidiare la titolarità dei tre centrocampisti sopracitati.

Formazione tipo:

Storari, Isla, Salamon, Bruno Alves, Murru, Padoin, Di Gennaro, Ionita, Joao Pedro, Borriello, Sau

CHIEVO: Pochi i sussulti di Campedelli che ha confermato in blocco la squadra dello scorso anno con le aggiunte di Sorrentino tra i pali e De Guzman a centrocampo. Si punta decisamente sull’esplosione definitiva di Inglese e sulle conferme di Birsa ed Hetemaj.

Formazione tipo:

Sorrentino, Cacciatore, Dainelli, Cesar, Gobbi, Castro, Radovanovic, Hetemaj, Birsa, Inglese, Meggiorini

CROTONE: Ultimo giorno di mercato intenso per il Crotone che perde Budimir ma trova il duo Trotta-Falcinelli. Buono l’acquisto di Crisetig. Ceccherini e Rosi si giocheranno un posto in difesa mentre Tonev potrebbe essere il terzo attaccante nel modulo di Nicola. L’esordiente società calabrese sembra leggera in difesa e a centrocampo, con pochi giocatori di esperienza. Alla lunga, sopratutto nei momenti più difficili, la scelta dei giovani potrebbe diventare molto rischiosa.

Formazione tipo:

Cordaz, Ceccherini, Claiton, Ferrari, Rosi, Capezzi, Crisetig, Martella, Tonev, Falcinelli, Palladino

EMPOLI: Difficile il mercato della squadra Toscana che dopo l’exploit della scorsa stagione si è dovuta difendere dagli attacchi per i gioielli non riuscendo a trattenerli tutti. Salutano Zielinski e Paredes, oltre a Mario Rui e Tonelli. Saponara, nonostante gli ultimi tentativi dalla Premier League, rimane ad Empoli e sarà il perno della squadra di Martusciello. Arrivano Pasqual e Bellusci per la difesa. Buono il colpo per il centrocampo, con Jose Mauri dal Milan che completa il reparto. Alberto Gilardino sarà il partner di Maccarone. Occhio anche a Marilungo, che potrebbe essere la sorpresa di questa stagione.

Formazione tipo:

Skorupski, Laurini, Bellusci, Costa, Pasqual, Mauri, Diousse, Buchel, Saponara, Maccarone, Gilardino

FIORENTINA: Guardando il mercato viola dal punto di vista della disponibilità economica e del bilancio, i Della Valle possono ritenersi soddisfatti. Zero investimenti e incassi per risanare il debito. Nonostante questo la società toscana riesce ad assicurarsi la permanenza di Tello, l’arrivo di Milic, De Maio, e Maxi Olivera. Salutano in tanti, e saluta anche qualche pezzo da 90. Pasqual va via, e con lui Roncaglia, Gomez, Rossi, Gilberto, Marcos Alonso e Mati Fernandez. Le conferme di Borja Valero, Badelj e Kalinic, nonostante le pressioni di Roma, Milan e Napoli si possono ritenere altri 3 acquisti fondamentali. Il mancato arrivo di Sportiello dall’Atalanta, non dona la necessaria sicurezza tra i pali che la società stava cercando.

Formazione tipo:

Tatarusanu, Tomovic, Rodriguez, Astori, Bernardeschi, Vecino, Badelj, Milic, Borja Valero, Ilicic, Kalinic

GENOA: Il mercato del grifone è stato di buon livello, sarebbe potuto diventare ottimo se l’arrivo di Hernanes, saltato insieme all’affare Witsel, fosse stato confermato, ma comunque Gentiletti, Edenilson, Ocampos e la scommessa di Simeone jr sono dei colpi di livello. Riuscire, inoltre, a trattenere Pavoletti, potrebbe diventare la mossa migliore. Occhio anche al ritorno di Miguel Veloso, che potrebbe rivelarsi decisivo in mezzo al campo.

Formazione tipo:

Perin, Izzo, Burdisso, Gentiletti, Edenilson, Rincon, Veloso, Laxalt, Ntcham, Pavoletti, Ocampos

INTER: L’Inter ha fatto il solito eccellente mercato dalla mediana in su, decisamente insufficienti gli interventi nel reparto difensivo. Banega, Candreva, Joao Mario e Gabigol sono sicuramente acquisti di alto livello. Ansaldi, unico nuovo arrivo nel reparto difensivo, sembra un pò poco per consentire ai nerazzurri di lottare per i primissimi posti. Torna Ranocchia, che rimane ancora una incompiuta. Qualche dubbio anche sulla scelta del mister. De Boer sembra ancora troppo condizionato dalle scelte che Mancini aveva effettuato fino ad un mese fa e non è riuscito ad imporre le sue idee.

Formazione tipo:

Handanovic, D’ambrosio, Miranda, Murillo, Ansaldi, Medel, Banega, Brozovic, Candreva, Icardi, Perisic

JUVENTUS: La squadra bianconera è decisamente la regina del mercato. Perde Morata, Pogba, Pereyra e Zaza, ma piazza colpi di livello internazionale. Pjianic, Dani Alves, Benatia, Pjiaca, Higuain e sul gong il ritorno di Cuadrado, puntellano una squadra già quasi perfetta, pronta a dare battaglia anche in Champions League. Il mancato arrivo di Witsel non influisce sul giudizio e non sembra poter abbassare le probabilità di vittoria dei bianconeri.

Formazione tipo:
Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Dani Alves, Khedira, Pjianic, Marchisio, Alex Sandro, Higuain, Dybala

LAZIO: Lotito avrebbe potuto fare qualcosa in più, ma gli acquisti di Immobile e Bastos sono ottimi. Lukaku in campionato si è già dimostrato un buon giocatore. Forse manca qualche ricambio importante a centrocampo e un vice Immobile affidabile, anche se bisogna tenere d’occhio il colpo last-minute Luis Alberto.

Formazione tipo:

Marchetti, Basta, Bastos, De Vrij, Lukaku, Parolo, Biglia, Milinkovic-Savic, Anderson, Immobile, Lulic

MILAN: Il mercato rossonero è indubbiamente insufficiente, con l’attentuante della trattativa con il gruppo cinese chiusasi solo a metà agosto. Gli investimenti importanti su Lapadula e Gomez potrebbero risultare fruttuosi, ma l’arrivo di Sosa, Pasalic e Mati Fernandez sembrano più un contentino che reali scelte di Montella. La gestione delle cessioni, poi, non è sembrata oculata visti gli zero incassi per giocatori come Alex, Mexes, Menez, Matri e Diego Lopez. Le buone notizie vengono dal rientro di Suso e dalla ritrovata serenità di Carlos Bacca.

Formazione tipo:

Donnarumma, Abate, Gomez, Romagnoli, De Sciglio, Pasalic, Montolivo, Bonaventura, Suso, Bacca, Niang

NAPOLI: Il capolavoro di De Laurentis continua. La cessione, a una cifra folle, di Higuain, ha destabilizzato un pò l’ambiente all’inizio. Il buon Aurelio ha però saputo rimediare con acquisti di alto livello. Tonelli e Maksimovic sono due difensori di sicuro affidamento. Diawara, Zielinski e Rog sono 3 prospetti interessanti e potranno trovare la giusta dimensione nella squadra partenopea. Giaccherini è un usato garantito. Milik è una scommessa, già in parte vinta con i due gol al Milan, e avrà il duro compito di non fare rimpiangere El Pipita. Ma i 25 in mano a Sarri, sembrano costruire una squadra più forte e più completa di quella dello scorso anno.

Formazione tipo:
Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Milik, Mertens

PALERMO: Decisamente insufficiente il mercato dei rosanero. Persi tanti talenti importanti come Gilardino, Vasquez, Lazaar e Djurdjievic, Zamparini non è riuscito a rimpiazzarli con dei colpi di pari livello, e così gli arrivi di Nestorovski, Gazzi, Aleesami, Bruno Henrique e Diamanti non completano la rosa. Manca una prima punta di esperienza e alto profilo, al momento individuata nello svincolato Bergessio che però sembra intenzionato a rifiutare le avanche del Palermo. Dubbi anche sulla bontà del portiere e della difesa. Difficile credere che Diamanti possa sobbarcare per tutto il campionato il peso dell’attacco sulle proprie spalle.

Formazione tipo:
Posavec, Vitiello, Goldaniga, Andelkovic, Rispoli, Hiljemark, Bruno Henrique, Aleesami, Diamanti, Quaison, Nestorovski

PESCARA: Acquisti mirati, con arrivi di giocatori molto esperti della categoria per inseguire una salvezza che sembra comunque alla portata degli abruzzesi. Mantenuti alcuni artefici della promozione, la dirigenza pescarese ha deciso di puntellare tutti i reparti. Bizzarri in porta dà una certa sicurezza. Gyomber e Biraghi sono buoni difensori. Colpo a centrocampo con l’arrivo di Aquilani, del quale andranno valutate le condizioni fisiche. Occhio anche a Pepe che potrebbe risultare decisivo, sopratutto a partita in corso. Bahebeck è un prospetto interessante e potrebbe dare una grande mano alla causa.

Formazione tipo:

Bizzarri, Zampano, Gyomber, Coda, Biraghi, Verre, Aquilani, Memushaj, Benali, Caprari, Bahebeck

ROMA: I giallorossi hanno cominciato alla grande il mercato, nonostante la dolorosa cessione di Pjianic sono arrivati Alisson, Gerson, Mario Rui, Fazio, Juan Jesus, Vermaelen e Bruno Peres. Sabatini è riuscito anche a trattenere Paredes, nonostante le numerose offerte, ed a confermare il prestito di Szczesny per un altra stagione. Manca, però. un centrocampista di qualità ed esperienza che poteva essere Borja Valero. Nell’ultimo giorno si è cercato Wilshere, con il rifiuto in extremis del calciatore. Sembra molto fragile sopratutto la fascia sinistra, con Juan Jesus ed Emerson Palmieri che non danno sicurezza.

Formazione tipo:
Szczesny, Florenzi, Manolas, Vermaelen, Bruno Peres, Nainggolan, De Rossi, Strootman, Salah, Dzeko, Perotti

SAMPDORIA: Ottimo il mercato di Ferrero. Nonostante la perdita di Moisander, Fernando,  Soriano e De Silvestri, la squadra blucerchiata si predispone ad essere una delle rivelazioni del torneo. Pavlovic, Cigarini, Djuricic, Linetty, Bruno Fernandes, e Praet formano un mix di giovane età ed esperienza che può rendere i doriani molto imprevedibili. Occhi puntati sopratutto sul trequartista ex Anderlecht di cui si parla un gran bene e che sembra un predestinato.

Formazione tipo:
Viviano, Sala, Silvestre, Regini, Pavlovic, Barreto, Cigarini, Linetty, Praet, Muriel, Quagliarella

SASSUOLO: La formazione del patron Squinzi è sicuramente una delle società più sane e di migliore prospettiva del panorama italiano. Nonostante la cessione di Sansone e di Vrsaljko, la squadra neroverde non ha perso la propria identità, ottenendo la qualificazione in Europa League e riuscendo a trattenere i migliori giocatori in rosa. Su tutti Domenico Berardi. Gli arrivi di Sensi, Ragusa e Iemmello sono degli ottimi innesti in prospettiva, quello di Matri una garanzia di esperienza in avanti.

Formazione tipo:
Consigli, Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Peluso, Duncan, Magnanelli, Missiroli, Berardi, Defrel, Politano

TORINO: La squadra granata è partita con il botto, con l’arrivo di Ljiajic e Iago Falque nelle prime battute della sessione estiva. L’inizio della telenovela Maksimovic ha bloccato un pò il giro dei trasferimenti per Cairo. Dopo le rinunce a Glik, Gazzi e Bruno Peres, la squadra sembrava essersi indebolita e il Presidente ha deciso di porre rimedio. Ecco quindi gli arrivi di Rossettini, Castan e De Silvestri a completare la difesa. Valdifiori avrà in mano le redini della parte centrale del campo. Di spessore elevatissimo è l’arrivo di Joe Hart, che difenderà i pali granata per la prossima stagione.

Formazione tipo:

Hart, De Silvestri, Rossettini, Moretti, Molinaro, Benassi, Valdifiori, Baselli, Iago Falque, Belotti, Ljiajic

UDINESE: In questa sessione i bianconeri sono sembrati quelli più in difficoltà. Pochi i colpi importanti, pochi anche i giocatori in prospettiva che solitamente erano il marchio di fabbrica. Gli addii a Domizzi e Di Natale sono stati dolorosi. Bruno Fernandes poteva essere utile alla causa. Rispetto alla stagione scorsa solo De Paul e Kums sembrano essere 2 arrivi importanti. Troppo poco per una squadra che ha rischiato di venire invischiata nella lotta per evitare la Serie B.

Formazione tipo:
Karnezis, Samir, Danilo, Felipe, Widmer, Badu, Kums, De Paul, Adnan, Zapata, Thereau

Articolista con passione per lo sport. Tifo Messina da quando parlo e sono trapiantato al Nord per esigenze lavorative.

Top