Lazio, Pioli: “Tre punti a Verona per dimenticare il Bayer”

Riprendono gli allenamenti questa mattina a Formello per la squadra di Pioli in vista del match contro il Chievo Verona. Tabser news era presente a raccogliere la testimonianza dell’allenatore biancoceleste che in conferenza stampa spazia su vari argomenti: dal post Bayer, all’incontro con il Chievo, passando per il mercato.

Sulla pesante sconfitta rimediata contro il Bayer Levekusen, Pioli non si è nascosto. “E’ stata una bella botta” ha detto “avevamo davanti un sogno, un obiettivo importantissimo, ma non siamo riusciti a conquistarlo”. Ha però detto che occorre reagire e che ha visto la squadra motivata per fare una buona stagione. Parlando poi della partita con il Chievo, Pioli ha commentato che si aspetta, anzi pretende una reazione immediata.

C’è voglia di riscatto. Il mister ha rivendicato il grande risultato dell’anno scorso ed ha detto che sarà difficile ripetersi, ma che la Lazio vuole essere anche quest’anno tra le squadre che si giocheranno un posto in Europa. Sul mercato non ha voluto commentare, ha ribadito che spera di vedere presto nuovamente in campo le importanti assenze che hanno caratterizzato questo inizio. L’assenza di Marchetti, Biglia, Djordjevic, Klose sono state estremamente pesanti e si punta ad un rapido recupero di tutti in vista delle prossime partite.

A seguito di una domanda specifica su un presunto calo di Felipe Anderson, Pioli non si è sottratto ed ha parlato esplicitamente della necessità di un completamento della sua crescita e della sua maturazione. “Deve continuare a lavorare sodo e imparare a modificare le giocate in certi situazioni visto che ormai gli avversari cominciano a conoscerlo. I giovani hanno bisogno di crescere con calma ma devono essere tutti considerati dei titolari in vista dei molti impegni che avremo quest’anno”.

Specificatamente su Cataldi ha detto che ha fatto una preparazione difficile, con delle prestazioni non buone, ma sta crescendo. Poi sul livello di maturità della squadra ha aggiunto: “Non siamo ancora pronti per giocare la massima competizione, ma possiamo arrivarci. Il nostro percorso deve essere completato con alte prestazioni”. Infine sul match di domani è stato categorico: “Con il Chievo sarà una partita difficile, ma la Lazio deve giocarla per vincere”.

Diramata anche la lista dei convocati per la partita con il Chievo: Basta, Berisha, Braafheid, Candreva, Cataldi, De Vrij, Felipe Anderson, Gentiletti, Guerrieri, Hoedt, Keita, Kishna, Konko, Lulic, Mauri, Mauricio, Milinkovic, Morrison, Oikonomidis, Onazi, Parolo, Patric e Radu.

Yes No