1 min readLazio-Chievo 4-1: le pagelle dei biancocelesti. Ci pensa Candreva, ma quanta polemica!

1 min readLazio-Chievo 4-1: le pagelle dei biancocelesti. Ci pensa Candreva, ma quanta polemica!

24 Gennaio 2016 Off Di Francesca Cuccuini

Berisha 6,5 – Dopo il primo goal del Chievo, sul quale ha lasciato a desiderare, si temeva il peggio. Con la parata sl rigore di Paloschi, cancella tutto.

Konko 6 – Anche oggi non dispiace la sua prestazione. Ancora una volta titolare con lo stupore del pubblico.

(dal 69′) Felipe Anderson 6,5 – Gioca poco ma sfiora un goal più che importante.

Bisevac 6,5 – Prima partita nel campionato italiano da titolare. Fa una bella figura. A volte soffre la corsa di Paloschi, ma argina bene il pericolo.

Radu 5 – E’ Radu. Il capitano troppo fumantino che rischia di rovinare tutto con un cartellino di troppo. Nei minuti finali trattiene Paloschi in area e regala il rigore agli avversari lasciando anche la Lazio in dieci.

Lulic 6,5 – Da terzino sono poche le volte che delude. Pesa, però, l’ammonizione che lo allontanerà dalla sfida contro l’Udinese.

Milinkovic-Savic 6 – Bene, ma non benissimo. Abbandona presto il campo per dare spazio al primo lampo di coraggio da parte di Stefano Pioli.

(dal 60′) Klose 6,5 – E’ anche lui a cambiare un po il volto alla partita. Peccato non abbia giocato al posto di Djordjevic.

Cataldi 6,5 – Un goal arrivato quasi improvvisamente che illumina la sua prestazione fino a quel momento discutibile. Un goal da 35 metri che forse andava semplicemente festeggiato e non reso oggetto di polemiche.

Parolo 5,5 – Forse stanco. Non riesce a far girare il gioco come è abituato a fare.

Candreva 7 – La doppietta gli regala il voto più che positivo, ma l’esultanza che alimenta le polemiche lo allontana di molto dall’idea di leader che il calcio cerca.

Djordjevic 5 – Male. Inesistente come spesso accade. Ma continua a guadagnarsi il posto da titolare di tanto in tanto.

(dal 46′) Matri 5,5 – Non entra mai in partita e latita in area di rigore.

Keita 6,5 – Nel primo tempo, nonostante le occasioni sfiorate, si impegna parecchio. Uno dei migliori nonostante al quarantesimo, a seguito di un’occasione mangiata, il 90% dei laziali lo avrebbero voluto in panchina

Correva l'anno home