Loading

Allo Juventus Stadium finisce 3-1 lo scontro tra Juventus e Bologna: Bianconeri che mostrano subito velocità e dinamismo in campo ma che già al quinto minuto si trovano costretti ad inseguire; è infatti il Bologna a passare in vantaggio grazie  all’ex Monpellier, Mounier, che approfitta di una dormita di Chiellini e Bonucci e di una parata incerta di Buffon, per trafiggere subito la porta avversaria. Tuttavia la Juventus non si scoraggia e di fronte ad un Bologna vivace si deve affidare alla velocità di Cuadrado e al gran lavoro di Khedira per rendersi pericolosa. Con il passare dei minuti le azioni dei campioni d’Italia si fanno sempre più prevedibili, con Chiellini che appoggia sulle fasce, sperando nella velocità e negli assist degli esterni. Assist con buona sorte trovato al trentaduesimo; è Khedira a crossare per la testa di Morata, lasciato incredibilmente libero di colpire ed insaccare il pareggio bianconero. Il ritmo dei campiono d’Italia sale, ancora più velocità e molti pericoli dalle fasce. Khedira trascina il centrocampo e prova ad inserirsi in avanti; Pogba sottotono e lento ad entrare in partita, Bologna attivo ma molto poco incisivo in termini di conclusioni. L’inizio ripresa è totalmente a marca bianconera: Khedira pressa costantemente, Cuadrado scende lungo la fascia e serve Morata per un rigore in movimento che l’attaccante spagnolo si divora incredibilmente. L’occasione per farsi perdonare però si presenta qualche minuto dopo: “Cinturato” in area da Ferrari, Morata si guadagna un calcio di rigore che Dybala trasforma spiazzando completamente Mirante. Dopo il vantaggio la Juventus gioca con molta più disinvoltura ed il Bologna, fino ad ora attivo, inizia a spegnersi e a lasciare molta più libertà alla formazioni di Allegeri, che affonda il colpo di grazia al sessantaquattresimo: Khedira scatta sul filo del fuorigioco e colpisce di testa il pallone del definitivo 3-1. Risultato che “taglia le gambe” agli emiliani, finale di partita controllato dalla Juve che subisce qualche velleitaria sortita offensiva degli ospiti, senza mai sentirsi minacciata più di tanto. Forse una punizione eccessiva per un Bologna tutto sommato solido e che si è dovuto piegare solo davanti a giocatori come Khedira, Cuadrado, Morata e Dybala; forse, fargliene una colpa sarebbe esagerato.

Ciao a tutti, sono Dario e vengo dalla provincia di Monza e Brianza. Mi piace seguire, commentare e discorrere di eventi calcistici che seguo con regolarità.

Top