1 min readIl modello Atalanta

1 min readIl modello Atalanta

6 Ottobre 2020 Off Di Giorgio Catani

L’Atalanta ha incassato 75 milioni di euro dalla cessione di due giocatori che, insieme, hanno disputato in maglia nerazzurra appena sei partite per un totale di 126 minuti.

È questo l’ennesimo colpo strabiliante messo a segno dalla società di Percassi sotto la regia del direttore sportivo dei bergamaschi, Giovanni Sartori, nelle ultime due sessioni di mercato.

Tanto hanno fruttato infatti alla Dea le cessioni di Dejan Kulusewski alla Juventus e di Amad Traoré al Manchester United; giocatori che, numeri alla mano, sono passati da Zingonia solo di sfuggita.

Dejan Kulusewski, arrivato all’Atalanta nel 2016 per 165 mila euro, ha indossato la maglia nerazzurra in appena tre occasioni, tutte nella stagione 2018/2019, per un totale di 102 minuti. Poi è stato girato in prestito al Parma dove è stato sufficiente un girone, quello di andata, giocato da protagonista per attirare le attenzioni della Juventus e consentire all’Atalanta di rilevare in bilancio una plusvalenza mostruosa.

Ma forse per la Dea è andata ancora meglio con Amad Traoré che prima di essere diventato a sorpresa il costoso oggetto dei desideri del Manchester United nell’ultimo giorno di questa sessione di mercato aveva vestito anche lui la maglia dell’Atalanta in sole tre occasioni, tutte la scorsa stagione, per un totale di appena 24 minuti complessivi, 13 dei quali passati in campo nel 7-1 rifilato all’Udinese il 27 ottobre 2019. Uno scampolo di partita sufficiente a consentirgli di aggiungere il suo nome a quello dei marcatori del match. Meno di trenta minuti, 40 milioni di euro!

In generale l’Atalanta ha chiuso questa ultima sessione di mercato con un saldo attivo di circa 40 milioni avendone spesi 48,5 per il riscatto di Pasalic (15 milioni), gli acquisti di Miranchuk (14,5 milioni), Lammers (9 milioni) e Muratore (7 milioni) ed i prestiti di Romero e Mojica (2,5 milioni complessivi) ed incassati 80 dalle cessioni di Traoré, Castagne, Mancini, Berisha e D’Alessandro.

Considerando che per la prossima stagione sono già certi i 13 milioni in entrata dal Bologna per il riscatto di Barrow, si può dire che il tanto decantato modello Atalanta effettivamente funziona ben al di là dei semplici risultati sportivi.

Correva l'anno home