Loading

Prosegue più bella ed interessante che mai la Copa America edizione 2016, quella del Centenario. Conclusa la fase a gironi, al di sopra delle aspettative per lo spettacolo e la qualità di gioco offerta, ora si fa sul serio perché con il fresco verdetto dei quarti è tempo ormai di semifinali. Le quattro squadre che lotteranno per alzare sul cielo degli Stati Uniti la coppa sono la Colombia, CileUSA ed Argentina. La squadra a stelle e strisce guidata da Klinsmann avrà l’arduo compito di provare a battere il gigante albiceleste. Compito non facile per la squadra che ospita la competizione dato che di fronte si troverà due mostri sacri come Higuain e Messi, senza dubbio ad oggi i migliori di tutto il torneo. Gli Stati Uniti vengono da un ottimo girone concluso a quota sei punti insieme alla Colombia ed e soprattutto hanno dato conferma del loro stato di grazia nella vittoria ai quarti per 2-1 contro l’Ecuador, attualmente in testa al girone di qualificazione ai Mondiali, grazie ai gol di Dempsey e Zardes. Possiamo sicuramente dire che gli Stati Uniti sono la vera sorpresa del torneo. Non stupisce invece quanto di buono fatto dall’Argentina che vola in semifinale dimostrando di essere una squadra di un altro pianeta: ultima grande vittoria per la nazionale albiceleste è il 4-1 ai danni del Venezuela grazie ai di Messi ed Higuain. Gli USA sono consapevoli: l’Argentina è la strafavorita alla vittoria. Ma il calcio è cosa strana. L’altra semifinale vedrà opposte Colombia e Cile. Due squadre che fin’ora hanno regalato tante emozioni a questa Copa Centenario. La Colombia ha conquistato la semifinale grazie alla vittoria ai calci di rigore sul Perù. Senza dubbio un quarto di finale combattutissimo e soprattutto il più equilibrato anche perche il Perù di uscire non ne aveva proprio voglia. I biancorossi sono stati gli artefici dell’uscita prematura del Brasile ed è per questo che gli va comunque riconosciuto un grande applauso per l’ottimo torneo disputato. Il Cile invece approda in semifinale dopo aver vinto, o meglio umiliato, con un netto 7-0 il Messico che non meritava tuttavia di uscire con un risultato cosi pesante. La seleccion messicana aveva dimostrato di essere una delle squadre più in forma e più belle del torneo. Un blackout inspiegabile per una squadra che sulla carta  sembrava non essere poi così inferiore rispetto al Cile. Per il Messico una magra consolazione: non è la prima volta che la competizione registra sconfitte di questa portata. Nei suoi cento anni di storia la competizione conta altre sonore batoste. Clamoroso l’11-0 dell’Argentina ai danni dell’Ecuador nel 1975 così come il 9-0 del Brasile sulla Colombia nel lontano ’57. O sempre rimanendo al Cile, la Roja nel ’79 vinse 7-0 contro il Venezuela. Questi gli appuntamenti per le semifinali: mercoledì 22 giugno: Argentina-Stati Uniti ore 3.00 (orario Italia), Houston-Texas; giovedì 23 giugno: Colombia-Cile ore 2.00 (orario Italia), Chicago-Illinois.

Top