Frosinone-Inter, 0-1. Tre punti per Mancini. Risultato beffardo per Stellone.

Da una parte la salvezza, dall’altra un posto nell’Europa delle Grandi. Quella di oggi, tra Frosinone e Inter, è più di una semplice gara in cui, i tre punti, possono condizionare il raggiungimento degli obiettivi di una stagione intera.
Stellone scende in campo con il 4-3-3, indisponibili Dionisi, Sammarco e Tonev; per Mancini il 4-4-2, con Felipe Melo al fianco di Icardi. In attacco torna titolare Jovetić.
PRIMO TEMPO- Gara equilibrata dai ritmi molto alti. Frosinone aggressivo deciso a sfruttare le distrazioni dei nerazzurri. L’Inter gestisce bene il gioco dimostrando di non voler regalare nulla agli avversari.
La prima vera occasione da gol è per i ciociari, al 26°, con Frara, che manda fuori di poco. L’Inter, dopo diversi tentativi, ci prova al 39°, con Perišič ma la palla viene svirgolata sul fondo. Risponde, subito dopo, Kragl, ma il tiro è troppo centrale e Handanovič non si fa sorprendere.
SECONDO TEMPO- La ripresa non regala particolari novità. Le due squadre proseguono la loro gara in maniera equilibrata cercando di sfruttare gli spazi disponibili ma, nonostante tutto, nessuna delle due riesce ad andare in vantaggio. L’Inter cerca di restare nell’area gialloblù ma i ciociari si fanno trovare sempre pronti. Ogni disattenzione potrebbe essere fonte di pericolo.
Al 55° il Frosinone è vicino al gol dell’1-0 ma la palla sfuma fuori di poco. Gli errori, da entrambe le parti, cominciano ad essere troppi. Il livello della gara è sceso notevolmente.
È però sempre il Frosinone a prendere l’iniziativa e, al 64°, è il palo a salvare i nerazzurri dal colpo di testa di Paganini. L’Inter è lenta ed affaticata.
La seconda grande occasione del Frosinone arriva al 74° su calcio di punizione ma, la palla di Pavlovic, finisce sulla traversa.
Ad andare in vantaggio è l’Inter, che nel suo momento peggiore, trova il gol con Icardi.
La gara cambia completamente direzione quando il Frosinone rimane in dieci, dopo l’espulsione di Blanchard, fuori per doppia ammonizione (giusta la seconda, meno la prima).
I canarini non mollano, e con Ciofani, all’86°, cercano di raggiungere il pareggio ma è di nuovo palo, il terzo.
1-0 e tutti a casa. È stata una gara strana che ha portato le squadre a concedersi davvero poco. Un
primo tempo a ritmi alti che non si ripete nella ripresa, ricca di errori e distrazioni. Il Frosinone, tuttavia, ha poco da rimproverarsi: buona la tenuta di gioco, sfortunato nelle azioni da gol. Sicuramente può recriminare qualche giallo di troppo, soprattutto nel primo tempo. L’Inter, invece, avrebbe dovuto e potuto fare di più, nonostante la vittoria. Per i canarini la salvezza si allontana. Le prossime gare saranno tutte delle finali.
Francesca Petrucci.

Francesca Petrucci

Laurea in Filologia moderna e Master in comunicazione. Amo la Filologia romanza e il calcio. Sempre con il sorriso :)