Chievo-Juventus 0-4: Bianconeri a valanga su un Chievo con troppe assenze

Il quarto anticipo della ventiduesima giornata vede di fronte due squadre in pieno stato di forma. Si scontrano infatti, al Bentegodi di Verona, Chievo e Juventus. I padroni di casa, nonostante le numerose assenze, scendono in campo per migliorare una classifica già dignitosa, mentre i campioni d’Italia per cercare il primato in classifica, in attesa della partita tra Napoli ed Empoli. Match che durante tutto il primo tempo vede quasi solo i bianconeri in campo. I ragazzi di Allegri partono fortissimo e già dopo cinque minuti passano in vantaggio. È Morata a regalare la prima gioia di giornata; su un cross rasoterra da destra di Lichtsteiner, l’attaccante spagnolo classe ’92 sbuca alle spalle dei difensori clivensi e insacca di sinistro lo 0-1 ospite. Il Chievo, tuttavia, non da alcun segno di ripresa; la Juve è più ordinata e mostra una tecnica decisamente superiore, soprattutto in difesa dove non concede nemmeno i pochi varchi cercati da Inglese, l’unico, insieme a Sardo, a dare qualche segno di attività. Dall’altra parte invece si fa notare un Dybala scatenato. Con un attaccante d’area come Morata, il lavoro sporco tocca a lui, che, piuttosto arretrato rispetto al compagno, riesce a sfoggiare la sua velocità in alcune ripartenze. La prima ed unica conclusione gialloblu arriva dopo trentacinque minuti e si traduce in un tiro che Buffon non ha problemi a bloccare. Quando i padroni di casa sembravano sul punto di potersi sbloccare però, ancora Morata spegne qualsiasi barlume di speranza e sigla, con un tocco morbido a porta vuota, lo 0-2. Il passaggio preciso è di Dybala, che cerca e trova il numero 9 bianconero. Al quarantesimo minuto sono quindi due le reti che separano le due squadre e Maran dovrà sicuramente cambiare assetto se vuole vedere una ripresa diversa.

Nel primo quarto d’ora della ripresa si vede un Chievo decisamente diverso, la squadra non si è arresa e lo mette in chiaro con qualche occasione, prima su una punizione dove non interviene nessuno e successivamente con un tentativo di Radovanovic, a lato. Il pressing gialloblu è più alto e la squadra è più veloce, ma, ancora una volta, quando si potrebbe prospettare una ripresa clivense, la Juventus al sessantesimo rimette tutto dalla sua parte e trova lo 0-3 con Alex Sandro, servito in area sulla sinistra da Pogba; a quel punto il centrocampista brasiliano scarica alle spalle di Bizzarri un potente sinistro che significa triplice vantaggio. Da qui in avanti sarà dominio ospite, con i bianconeri che addirittura vanno in rete per lo 0-4 al sessantaseiesimo. Pogba, dopo una serpentina in mezzo ai difensori avversari, decide di piazzare il pallone nell’angolino basso per il poker. Continua il dominio Juve fino al fischio finale, solo un errore di Bonucci permette a Inglese di provarci. Per il resto da segnalare due traverse, colpite da Alex Sandro e da Pogba, ed un tentativo nei minuti finali di Dybala, senza fortuna. Finisce così, con la Juve a valanga su un Chievo davvero sbiadito. Dodicesima vittoria consecutiva per gli uomini di Allegri e record di Conte eguagliato. Maran, preoccupato per le otto reti subite nelle ultime due partite, deve solamente concentrarsi e far ripartire la squadra per i prossimi impegni.

Top & Flop:

Top:

  • Dybala: Nonostante non sia andato in rete decido di premiare lui, ancora una volta dimostra grande serietà e sacrificio in campo, mette tutto se stesso a disposizione dei compagni e sfodera una prestazione singola da vero fuoriclasse. La preannunciata giovane promessa è sempre più concreta.

Flop:

  • Frey: Con di fronte un attacco del genere è veramente difficile guadagnarsi la sufficienza quando sei un difensore; tuttavia il capitano gialloblu non tiene Morata in occasione del primo goal ed è sempre spaesato al centro dell’area ad ogni affondo Juventino.

Dario Pilotti

Ciao a tutti, sono Dario e vengo dalla provincia di Monza e Brianza. Mi piace seguire, commentare e discorrere di eventi calcistici che seguo con regolarità.