1 min readChiamatelo effetto Mario

1 min readChiamatelo effetto Mario

4 Novembre 2016 Off Di Giorgio Catani

Mario Balotelli, con quell’aria da Bad boy che per altro sembra essere solo un lontano ricordo dopo questi primi mesi al sole della Costa Azzurra, sembra esercitare decisamente una fascino particolare sui tifosi. Per la contentezza del presidente del Nizza, Jean-Pierre Rivére. Con l’approdo di Super Mario in Ligue1 il club rossonero sembra aver decisamente spiccato il volo. Dentro e fuori dal campo.

Parlando di calcio giocato, in patria i rossoneri di Favre guidano inaspettatamente la classifica con sei lunghezze di vantaggio sulla coppia Monaco-PSG e sperano in campo internazionale di acciuffare la qualificazione ai sedicesimi Europa League. Merito anche di Balotelli che in queste prime uscite con la maglia rossonera ha già totalizzato la bellezza di 7 reti in altrettante presenze. Ma fuori dal rettangolo di gioco le cose vanno se possibile ancora meglio. A partire dall’affluenza media all’Allianz Riviera.

L’effetto Mario si è infatti apprezzato anche sugli abbonamenti che sono passati dai 10 mila della scorsa stagione ai 12 mila attuali. Un +20% maturato in particolare nei giorni successivi all’annuncio dell’acquisto di Balotelli. Ma non finisce qui. In generale anche l’affluenza media ha fatto registrare un’impennata passando da 19.192 spettatori medi della scorsa stagione a 22.695. Ma il dato probabilmente più eclatante è un altro.

È quello relativo al merchandising legato a Balotelli. Le maglie del centravanti vanno infatti letteralmente a ruba tanto che nei primi giorni dell’avventura dell’ex Milan in Costa Azzurra gli store ufficiali del club hanno avuto difficoltà a soddisfare le richieste. Secondo il quotidiano Nice Matin si vendono infatti circa 10 maglie l’ora con una proiezione a fine anno di 15 mila casacche ufficiali vendute. Un dato più che raddoppiato rispetto a quello dello scorso anno. La ragione? Sempre la stessa, Mario Balotelli. La maglia del centravanti è infatti la più richiesta con la domanda che arriva anche da Cina ed Australia. A fine anno si stima di vendere oltre 10 mila maglie con il numero 9. Insomma, numeri alla mano, che ve ne pare di questo effetto Mario?

Correva l'anno home