Chiamateli mastini: la Top 5 per palle recuperate in Serie A

C’è poco da fare, quando si parla di calcio il nostro pensiero corre subito inevitabilmente a giocolieri e bomber di razza. I nostri occhi da tifosi (e spesso anche quelli degli addetti ai lavori) trovano maggiore appagamento nella giocata del fuoriclasse o nella zampata del goleador piuttosto che nel lavoro sporco di chi, alle loro spalle, suda sette camicie per aiutare la squadra a portare a casa i tre punti.

Noi però, come ormai saprete, siamo da sempre pervasi da un sentimento di romanticismo che ci porta a preoccuparci prevalentemente dei figli di un dio minore; di quei giocatori cioè he pur avendo ricevuto in dote l’immenso dono del saper giocare a calcio non sono stati instillati della grazia di un numero 10 o del fiuto del gol tipico del centravanti di razza. Sono quei giocatori in realtà imprescindibili per una squadra professionistica. Sono quelli che corrono, pressano, garantiscono equilibrio. Sono quelli che consentono ai fuoriclasse di tirare il fiato nell’arco dei 90′ e che spesso e volentieri oscillano tra il 6 ed il 6,5 in pagella il lunedì mattina.

No, non parliamo solo dei mediani (a loro abbiamo dedicato un spazio apposito qualche tempo fa); e no, non parliamo neanche degli instancabili faticatori di centrocampo (anche loro hanno trovato gloria nelle scorse settimana). Questa volta, approfittando della sosta per le Nazionali, abbiamo deciso di dare uno sguardo alle nostre amate statistiche e concentrarci sul nostro campionato per stilare la Top 5 per palle recuperate in Serie A.

Ne è uscita fuori una graduatoria nella quale, come vedrete dalla nostra gallery, non trovano spazio solo centrocampisti o mediani puri. Ci sono infatti anche due difensori (non vi sveliamo quali…); un fatto indicativo che l’impostazione tattica delle relative squadre di appartenenza fa sempre la differenza. Va bene, bando alle ciance. È arrivato il momento di lasciare spazio alla Top 5 per palle recuperate in Serie A. Buona lettura.

Yes No