Loading

Nella ventiseiesima giornata di Bundesliga i risultati calcistici passano in qualche modo in secondo piano, rispetto all’episodio accaduto al Westfalenstadion di Dortmund, durante la partita tra Borussia e Mainz. Due tifosi infatti, sono stati colpiti da un malore quando il risultato era ancora fermo sullo 0-0, e, uno di loro, purtroppo, ha lasciato la vita sugli spalti della squadra che amava e che seguiva da anni. La notizia della morte dell’ottantenne è stata tenuta celata ai giocatori delle due formazioni, sorpresi dal “silenzio” del pubblico al momento dei due goal, prima di Reus e poi di Kagawa. Appreso il fatto, al termine della gara, tutti i giocatori hanno intonato il celeberrimo coro “You’ll never walk alone” sotto la curva caldissima dei gialloneri, a simboleggiare la vicinanza alla famiglia della vittima, scomparsa nello stadio dove, ancora anziano, condivideva la sua passione con migliaia di altri tifosi, impegnati, proprio dopo il fischio finale, in una commovente “sciarpata” collettiva. Parlando di calcio invece, il Dortmund, proprio in questo posticipo, scendeva in campo contro un ottimo Mainz, per provare a riportare il distacco dal Bayern Monaco a cinque punti. Missione riuscita per gli uomini di Tuchel, un 2-0 che è la dimostrazione della fede nella rincorsa verso l’armata bavarese, vittoriosa 5-0 Sabato contro il Werder Brema. Il ventiquattresimo goal stagionale di Lewandowski, fa compagnia alle doppiette di Muller e di Thiago Alcantara, come ennesime dimostrazioni della solidità e della costanza di questa formidabile squadra, ancora saldamente al comando. Dopo la caduta esterna, si riprende l’Herta Berlino; il successo per 2-0 ai danni dello Schalke 04 ridà slancio e morale ai berlinesi, ancora speranzosi in un piazzamento europeo, senza dover passare per degli insidiosi preliminari. Lo Schalke si ferma dopo due successi, sperando che questa caduta non sia sintomo di un’altalenanza di risultati, come ad inizio stagione. Approfittando quindi di questa sconfitta, il Borussia Monchengladbach continua indisturbato la sua rincorsa al terzo posto, poche energie richiede la vittoria per 3-0 contro un Francoforte ormai in crisi, affondato da Stindl, Raffael e Dahoud, tra i migliori in questa stagione. Francoforte quindi, raggiunto, in zona playout, dall’Hoffenheim, che, grazie all’impronosticabile 1-0 sul Wolfsburg, acciuffa tre punti fondamentali per la lotta salvezza, fallendo inoltre un penalty con Volland nella ripresa. Wolfsburg che perde l’occasione di agganciare il Mainz, ultima casella per l’Europa League, e viene scavalcato anche dal Bayer Leverkusen, passato in casa con l’Amburgo, in seguito ad un autorete al diciottesimo minuto del primo tempo. Chicharito e compagni chiudono la partita poi in dieci, con due gialli ai danni del terzino destro Jedvaj, ammonito per due volte in due minuti, negli istanti finali di gara. Darmstadt e Augsburg decidono, invece, di non farsi male, spartendo la posta in palio con un 2-2 che consente ad entrambe di raggiungere il Werder Brema, tre lunghezze sopra la zona playout, ora quasi a debita distanza. Chi pagherebbe qualsiasi cifra, pur di stare in zona playout, sarebbe l’Hannover, ancora ultimo ed ancora sconfitto 0-2 dal Colonia. Crisi assoluta per i neroverdi, senza successo da tre giornate, e reduci da altrettante sconfitte pesanti. Colonia che si rialza dopo lo scivolone con lo Schalke, e riprende il suo tranquillissimo cammino in campionato. Tranquillissimo come quello di Ingolstadt e Stoccarda, rispettivamente decima ed undicesima posizione, ed un punto solamente a dividere le due squadre, dopo il pirotecnico 3-3 di Sabato pomeriggio, agguantato dagli ospiti a soli sei minuti dal termine.

Ciao a tutti, sono Dario e vengo dalla provincia di Monza e Brianza. Mi piace seguire, commentare e discorrere di eventi calcistici che seguo con regolarità.

Top