Bundesliga: Bayern Monaco e Borussia Dortmund inarrestabili, è lotta dietro di loro

epa05173993 Referee Felix Zwayer (C) argues with Leverkusen players (L-R) Andre Ramalho, Kyriakos Papadopoulos, Stefan Kiessling, and Karim Bellarab before the German Bundesliga soccer match between Bayer 04 Leverkusen and Borussia Dortmund is interrupted in Leverkusen, Germany, 21 February 2016. EPA/FEDERICO GAMBARINI (ATTENTION EDITORS: Due to the accreditation guidelines, the DFL only permits the publication of up to 15 pictures per match on the internet and in online media during the match.)

Trama sempre più definita in Bundesliga dopo il ventiduesimo turno. La lotta in testa tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund è confermata, con gli uomini di Tuchel, che, distanti sempre otto punti dal primato, rispondono colpo su colpo ai rivali bavaresi, frettolosi Sabato, nel chiudere la partita casalinga con il Darmstadt, per presentarsi nelle migliori condizioni al delicatissimo match dello Juventus Stadium, valevole per gli ottavi di Champions League. Finisce comunque 3-1 all’Allianz Arena, i padroni di casa, passati tra l’altro in svantaggio nel primo tempo, durante la ripresa fanno valere il tasso tecnico e realizzativo. Prima la doppietta di Thomas Muller ed infine la rete del capocannoniere Robert Lewandowski affondano un Darmstadt  concreto nonostante la pronosticabile sconfitta. Come anticipato tuttavia, i rivali di Dortmund, non si limitano a guardare l’ascesa del Bayern, e rispondono con un successo di carattere sul difficile campo del Leverkusen. Il match si conclude 0-1, ma, la rete di Pierre-Emerick Aubameyang viene duramente contestata dall’allenatore del Bayer Leverkusen, Roger Schmidt, che accusa l’attaccante ventiseienne di aver toccato di mano e non di testa il pallone finito in rete. Insomma, il caos degenera in campo e Schmidt si rifiuta di abbandonare il campo dopo l’allontanamento decretato dal direttore di gara. Sospensione di 8 minuti durante il secondo tempo e situazione risolta con l’uscita dell’allenatore dal terreno di gioco. Oltre il danno, la beffa per il Leverkusen, sconfitta casalinga e conseguente perdita del terzo posto, ritrovato dall’Herta Berlino. I biancoblu, infatti, con un’altra prova di grande spessore, guadagnano un punto fondamentale in ottica Europa e fermano il Wolfsburg, ancora ottavo dopo questo 1-1. L’iniziale vantaggio dei biancoverdi viene infatti vanificato dall’undicesima rete in questa stagione di Salomon Kalou, in rete al termine di una rocambolesca azione offensiva. Dopo tre sconfitte consecutive, torna a fare punti il Borussia Monchengladbach, che si salva da una crisi che sembrava ormai più che imminente. Il riscatto porta la firma di Mahmoud Dahoud, ventenne centrocampista tedesco che regala la vittoria alla sua squadra, grazie alla rete al nono minuto nella gara contro il Colonia, incapace di pareggiare i conti. La formazione di casa ritrova quindi il successo e la zona Europa, agganciando il Leverkusen al quarto posto. L’ultima piazza disponibile per raggiungere una competizione europea, vede invece uno Schalke 04 alle prese con qualche problema, lo stop casalingo 1-1 con lo Stoccarda è un mezzo passo falso per i biancoblu, che tuttavia, nonostante i punti persi dalle formazioni davanti, guadagna una lunghezza sul Mainz, candidata più attendibile per l’attacco, ma crollata 3-2 in casa dell’Hoffenheim. Partita emozionante che i padroni di casa chiudono 3-1 al settantaseiesimo, dopo la rete di Amiri e la doppietta di Uth. Inutile la seconda realizzazione del Mainz, condannato alla settima casella, almeno fino al prossimo turno. Hoffenheim che invece prende e porta a casa tre punti fondamentali per allungare sull’ultima posizione, occupata sempre dall’Hannover, scavalcato 0-1 da un buon Augsburg. Nessuna giustificazione per i neroverdi, sconfitti da una formazione impegnata in Europa League contro il Liverpool, e ansiosa di allontanarsi dalla zona calda in campionato. Zona calda che con questa vittoria sembra lasciare un attimo di tregua all’Augsburg, sempre più lontano dalla terzultima casella, che accoglie un Werder Brema ormai abbonato a questa posizione, stabile e battuto 2-0 da un Ingolstadt in campo sempre per confermare l’ottima stagione da neopromossa. Brema a due lunghezze sia dalla zona retrocessione diretta che dalla salvezza sicura, ed al suo posto più per demeriti di altri che per meriti suoi. Infatti il Francoforte perde ancora una volta l’occasione per staccare i biancoverdi, e si ferma 0-0 in casa contro l’Amburgo, squadra solida che crea qualcosa in più, in un match soporifero che, tuttavia, regala pochissime emozioni.

Dario Pilotti

Dario Pilotti

Ciao a tutti, sono Dario e vengo dalla provincia di Monza e Brianza. Mi piace seguire, commentare e discorrere di eventi calcistici che seguo con regolarità.

Yes No