1 min readLiga: l’Espanyol si aggiudica lo scontro salvezza contro il Malaga. Un super Perez stende gli andalusi con una dopietta

1 min readLiga: l’Espanyol si aggiudica lo scontro salvezza contro il Malaga. Un super Perez stende gli andalusi con una dopietta

22 Novembre 2015 0 Di Raffaele Marino

Gonzalez (Espanyol): “soddisfatto dei miei ragazzi, ma bisogna continuare a lavorare duro”. Gracia (Malaga):”La situazione attuale è conseguenza di diverse cose.La soluzione? Vincere la prossima partita!”

I catalani superano il Malaga per 2-0, e salgono momentaneamente al decimo posto in classifica. I due gol sono stati messi a segno nei primi venti minuti del Match con una super prestazione di Perez autore di una doppietta. Bastano cinque minuti all’espagnol per andare in vantaggio, Perez, servito da Asensio, entra in area fa fuori un difensore e con un diagonale trafigge troppo facilmente il portiere ospite. Al ventesimo il radoppio, sempre Perez, servito da Alvarez e lasciato solo in area, la mette dentro per il 2-0. Il Malaga ci prova al 27, ma Amrabat colpisce solo il palo. Al 35′ altra opportunità per gli ospiti, ma Charles di testa colpisce centrale, e la palla è facile prede del portiere Pau Lopez. Nel secondo tempo i padroni di casa gestiscono il risultato, rischiando in paio di occasioni, al 60′ quando sempre Charles tira centrale, e al 74 quando ancora Charles centra il palo per la seconda volta. Il match si conclude così, con l’Espanyol che ritrova la vittoria dopo tre partite, mentre per il Malaga è crisi nera, con la terza sconfitta consecutiva, ed un attacco sterile, che ha messo a segno solo cinque gol nelle prime dodici giornate.

Al termine della partita, Javi Gracia, ha commentato la sconfitta dicendo che aggrava ulteriormente la situazione del Malga, e che il momento attuale è frutto di diversi fattori, non attribuento l’esito negativo della gara alla sfortuna per i due pali colpiti.

Diverso l’umore dell’allenatore dell’Espanyol Sergio Gozalez, il quale si è detto soddisfatto della prestazione dei suoi, in grado di segnare nei primi venti minuti e dopo di controllare la gara anche se a tratti con un po’ di sofferenza.

Correva l'anno home